mercoledì 18 gennaio | 15:47
pubblicato il 28/gen/2014 16:27

Scuola: Gilda, positivo incontro con Miur. Accelerare su scatti stipendi

Scuola: Gilda, positivo incontro con Miur. Accelerare su scatti stipendi

(ASCA) - Roma, 28 gen 2014 - ''L'incontro di oggi segna un passo avanti e apprezziamo che il ministero abbia inviato all'Aran l'atto di indirizzo relativo al piano triennale di assunzioni che per il prossimo anno scolastico prevede l'immissione in ruolo di 12.625 docenti, 1.604 insegnanti di sostegno e 4.317 Ata, mentre per l'anno corrente conferma 4.447 posti di sostegno''. Cosi' Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, commenta in una nota la riunione avvenuta questa mattina a viale Trastevere tra i sindacati e il ministro dell'Istruzione, Maria Chiara Carrozza.

''Al ministro - spiega Di Meglio - abbiamo sollecitato una generale velocizzazione dell'azione amministrativa: per quanto riguarda il contratto sulla mobilita', soltanto per citare un esempio, in attesa del visto dei ministeri dell'Economia e della Funzione pubblica, la tabella di marcia registra gia' 4 mesi di ritardo che inevitabilmente si ripercuoteranno sul corretto avvio delle attivita' didattiche''.

Sul fronte degli scatti, la Gilda ha chiesto di spingere l'acceleratore sulla trattativa e di recuperare le risorse del Mof non spese negli anni passati, cosi' da incidere in maniera meno pesante sul Mof corrente, scongiurando il rischio che le progressioni di carriera vengano assegnate in base a una sorta di lotteria. ''Inoltre - spiega ancora Di Meglio - abbiamo richiamato l'attenzione del ministro sulle posizioni stipendiali del personale Ata, ribadendo l'ingiustizia di togliere soldi per un lavoro gia' svolto a una categoria professionale gia' economicamente debole''.

''Infine, alla proposta della Carrozza di rivedere il sistema degli scatti, - conclude il coordinatore nazionale della Gilda - abbiamo messo in chiaro che, prima di intavolare una discussione in merito, vogliamo essere certi di poter contare su maggiori risorse. Non bisogna dimenticare, infatti, che gia' oggi l'anzianita' di servizio dei docenti italiani e' tra le meno riconosciute rispetto al resto dei Paesi economicamente avanzati''.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Milano Moda, l'uomo disinvolto e sicuro di Armani
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa