sabato 03 dicembre | 08:01
pubblicato il 09/set/2013 17:45

Scuola: Gilda, bene Dl su stabilizzazione docenti. Ora scatti anzianita'

(ASCA) - Roma, 9 set - Il sindacato Gilda degli insegnanti saluta favorevolmente le stabilizzazioni introdotte i provvedimenti riguardanti il personale scolastico contenuti nel decreto approvato questa mattina dal Consiglio dei ministri, ma chiede ora attenzione agli scatti di anzianita'.

''Il piano triennale di assunzione dei precari e il rafforzamento dell'organico riguardante i docenti di sostegno sono aspetti positivi che corrispondono a nostre storiche richieste e che, dunque, accogliamo con soddisfazione'', scrive in una nota coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, Rino Di Meglio, a commento del decreto. ''Ma sul tappeto - aggiunge - resta ancora la questione, per noi fondamentale, degli scatti di anzianita' sulla quale ci auguriamo arrivino presto risposte concrete da parte del Governo'', conclude Meglio ricordando, inoltre, che restano ancora da risolvere altri gravi problemi, primi fra tutti quelli riguardanti ''quota 96'' e gli inidonei.

red-stt/mau/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari