martedì 17 gennaio | 23:20
pubblicato il 19/set/2013 16:40

Scuola: Fassino, servono certezze su fondi per messa in sicurezza

(ASCA) - Roma, 19 set - '''Certezze circa i tempi di erogazione dei fondi per la messa in sicurezza degli edifici scolastici''. E' quanto chiede il Presidente dell'Anci, Piero Fassino in una lettera inviata al Ministro per le infrastrutture e trasporti, Maurizio Lupi. Dopo aver ricordato che la delibera CIPE n. 32 del 13 maggio 2010 '''assegna ai Comuni un fondo per la messa in sicurezza degli edifici scolastici previsti dal Programma straordinario stralcio di interventi urgenti sul patrimonio scolastico finalizzati alla messa in sicurezza e alla prevenzione e riduzione del rischio connesso alla vulnerabilita' degli elementi, anche non strutturali, degli edifici scolastici'', Fassino segnala che '''gli Enti locali, nei tempi indicati dalla delibera e in base al modello di convenzione regolante i rapporti tra Stato ed Ente, si sono impegnati a realizzare le opere per la messa in sicurezza degli edifici scolastici''. '''La convenzione stipulata dispone, oltre alle modalita' di accesso al programma, anche la tempistica per l'erogazione delle assegnazioni. I Comuni - spiega - lamentano ritardi nell'erogazione del contributo a fronte di piani esecutivi per i lavori approvati nel 2011 e, di lavori terminati nel corso del 2012. Tale ritardo nell'erogazione - rileva Fassino - va ad aggiungersi ad una situazione finanziaria ai limiti della sostenibilita' per i Comuni che, oltre alla costante diminuzione dei trasferimenti, devono partecipare al risanamento della finanza pubblica attraverso il patto di stabilita' interno che costringe gli Enti a raggiungere saldi positivi. Ad oggi - denuncia il presidente Anci - non si ha contezza dei tempi in cui avverranno i rimborsi, se nell'anno in corso o nel successivo, e addirittura non vi e' neanche la certezza in merito all'effettiva erogazione dei medesimi. Pur comprendendo la complessita' della procedura, un'attesa per il pagamento dei rimborsi non quantificata ne' quantificabile non e' accettabile''. Da qui la richiesta di chiarimenti rivolta al Ministro Lupi perche' '''tale incertezza ha effetti immediati riguardo il rispetto del patto di stabilita' interno. I Comuni - conclude Fassino - hanno bisogno di certezze per continuare a dare servizi e sicurezza ai propri cittadini soprattutto in questo lungo periodo di crisi economica che il Paese sta attraversando''.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa