lunedì 27 febbraio | 23:49
pubblicato il 07/giu/2013 14:19

Scuola: Carrozza, priorita' far sentire i bambini sicuri

Scuola: Carrozza, priorita' far sentire i bambini sicuri

(ASCA) - Roma, 7 giu - La sicurezza nelle scuole e' ''un problema prioritario'' per il ministro di Istruzione, Universita' e Ricerca, Maria Chiara Carrozza, intervenuta oggi alla trasmissione ''Prima di tutto'', di Radio1, all'indomani della presentazione presso il Parlamento delle linee programmatiche del suo mandato. ''Ho lanciato - ha indicato Carrozza - il piano che ha il significato di migliorare l'habitat di insegnanti e bambini.

Ce n'e' un grande bisogno in Italia, bisogna sostenere gli enti locali, che spesso sono proprietari degli edifici scolastici, in questa opera di manutenzione ordinaria e straordinaria. Questo - ha evidenziato il ministro - e' un problema prioritario: bisogna far sentire i bambini sicuri a scuola in tutti i sensi, a partire dall'ambiente scolastico, per poi proseguire con gli insegnanti, i programmi, tutto quello che concerne il loro sviluppo, la loro crescita''.

La titolare del dicastero di viale Trastevere ha dunque espresso la necessita' di ''fare un lavoro con le Regioni per bilanciare il numero degli insegnanti in base alle effettive necessita', in base agli aspetti demografici; anche una valutazione degli insegnanti, certo, in base al progresso dei bambini nell'apprendimento. Dobbiamo sapere - ha proseguito Carrozza - da dove partire e dove dobbiamo arrivare e fare dell'offerta formativa un programma fattibile, che unisca le scuole del Paese, e che abbia un percorso condiviso. Dobbiamo imparare a sfruttare bene le risorse, imparare a spendere un po' meglio i soldi, in modo piu rapido ed efficace''. In tale quadro ''pensiamo - ha detto il ministro - all'edilizia scolastica, dove da quando viene approvato il progetto di lavoro in cantiere all'investimento vero e proprio passa troppo tempo: dobbiamo velocizzare questo percorso sfruttando tutte le tecnologie che oggi possiamo avere, anche per rendere trasparenti e visibili ai cittadini tutto quello che si fa nella pubblica amministrazione''. ''Abbiamo una grande voglia - ha continuato Carrozza - di dimostrarci trasparenti e di condividere con le famiglie tutto quello che si fa per migliorare la vita scolastica dei balmbini, una sorte di monitoraggio, dall'ambiente all'attuazione dei programmi. In Italia spesso si fanno programmi, poi non si va a verificare se sono stati attuati o se ci sono state difficolta': ecco un concetto piu' manageriale, nel senso piu' positivo del termine. Dobbiamo porci obiettivi comuni, anche per far capire davvero cos'e' il lavoro di un insegnante e di un dirigente scolastico'', ha concluso il ministro Carrozza.

com-stt/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech