sabato 03 dicembre | 14:33
pubblicato il 15/nov/2013 17:38

Scuola: Carrozza, incontrero' studenti ma siamo gia' tornati a investire

Scuola: Carrozza, incontrero' studenti ma siamo gia' tornati a investire

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Sono la prima a dire, non da ora, che l'Italia spende ancora troppo poco per questo settore'' ma ''rivendico il fatto che questo governo e' stato il primo, dopo anni di tagli e di sacrifici, ad invertire la rotta con i 450 milioni a regime del decreto L'istruzione riparte''. Il ministro dell'Istruzione e della Ricerca, Maria Chiara Carrozza, risponde cosi' in un post pubblicato su Facebook alle richieste avanzate dagli studenti che hanno manifestato oggi in tutta Italia.

''In questi giorni sono in Cina per una visita istituzionale, ma ovviamente guardo con attenzione a quanto accade in Italia e comprendo le ragioni di chi chiede pacificamente piu' risorse per l'istruzione'' scrive il Ministro ''Sono la prima a dire, non da ora, che l'Italia spende ancora troppo poco per questo settore, cruciale per il futuro delle giovani generazioni e di tutto il nostro Paese.

Ma rivendico il fatto che questo governo e' stato il primo, dopo anni di tagli e di sacrifici, ad invertire la rotta con i 450 milioni a regime del decreto L'istruzione riparte, approvato definitivamente solo pochi giorni fa. In quel decreto, ad esempio, ci sono 100 milioni per il diritto allo studio universitario, 15 per il welfare studentesco, 15 per la connettivita' wifi. Ci sono risorse per la formazione degli insegnanti, per l'orientamento, un piano per l'assunzione di piu' di 26mila insegnanti di sostegno''.

''Certamente si puo' fare di piu' - prosegue Carrozza - per il diritto allo studio, per l'edilizia scolastica, per combattere contro la dispersione. Sono le mie priorita', l'ho detto fin dall'inizio del mio mandato e continuero' a ribadirlo e a chiedere con forza piu' attenzione e piu' investimenti''.

''Quando mi sono insediata ho voluto subito incontrare gli studenti e lo faro' presto di nuovo - annuncia - per ascoltarli e rispondere alle loro domande, cosi' come ho fatto con i giovani medici, recependo la loro proposta di modificare il concorso di accesso ai corsi di specializzazione rendendolo nazionale. Proprio per questo ho convocato il Consiglio nazionale degli studenti universitari per le prossime settimane, per ascoltare le loro proposte.

L'ho sempre fatto e intendo continuare perche' sono convinta che il dialogo e la condivisione siano sempre la scelta migliore''.

gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari