venerdì 09 dicembre | 05:57
pubblicato il 20/ago/2013 10:19

Scuola: Carrozza, assumiamo 11.278 docenti. Situazione sotto controllo

Scuola: Carrozza, assumiamo 11.278 docenti. Situazione sotto controllo

(ASCA) - Roma, 20 ago - ''Proprio oggi comunicheremo l'assunzione di 11.278 docenti, la situazione nella scuola e' sotto controllo'', lo ha detto a Prima di tutto, su Rai radio 1, il ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza, in merito all'allarme lanciato dai sindacati sulla carenza di insegnanti e il ritardo delle nomine. Il ministro fa riferimento anche al ricorso minacciato dal Codacons in favore di tutti gli insegnanti che hanno conseguito o stanno conseguendo l'abilitazione in corsi riconosciuti senza pero' ottenere l'inserimento in graduatoria. Carrozza ha detto che ''purtroppo al Miur siamo abituati a ricevere ricorsi per ogni provvedimento, e' la cosa che piu' vorrei che cambiasse.

C'e' qualcosa che non va nei rapporti tra p.a. e cittadini, poi avviene che i ricorsi comportino un allungamento dei tempi per cui veniamo accusati di non aver rispettato i tempi perche' ci sono stati annullamenti e sospensive. Serve un salto di qualita': bisogna semplificare le regole rendendole meno attaccabili e piu' eque, ma bisogna anche imparare ad acettare gli esiti dei concorsi, il ricorso non deve essere la soluzione''. Sul problema sollevato dal Codacons per gli insegnanti abilitati, il ministro ha spiegato: ''L'abilitazione non equivale al concorso, il concorso e' il passo successivo, ora il reclutamento per legge funziona cosi'. Cosi' come esistono le graduatorie a esaurimento da rispettare, poi, quando vengono esautire, si adotta un regime diverso. Non possiamo sempre pensare di sovvertire le regole che abbiamo definito. Anche io, come ministro, mi trovo di fronte al dilemma di dover garantire i diritti ai precari anziani, che lavorano da anni e pagano i costi di un lungo precariato, e anche garantire ai giovani un accesso meritocratico. La soluzione del 50 e 50 graduatorie e concorso e' un modo per tenere conto di entrambe le esigenze.

Il problema vero - continua Carrozza - e' che in passato la scuola e' stata usata coe portafoglio da cui estrarre banconote per pagare altre spese pubbliche''. Carrozza ha affrontato anche il tema dei supplenti mancanti: ''nella scuola c'e' un organico di diritto inferiore alle esigenze di fatto. La strada e' stabilizzare e fare un migliore dimensionamento dell'organico che davvero serve alla scuola''. Su universita' e indipendenza dei ricercatori, il ministro ha detto: ''in Italia bisogna scardinare il sistema piramidale che schiaccia per troppo tempo i giovani sotto i loro professori. E' una questione politica di fondamentale importanza''. rus/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni