martedì 24 gennaio | 05:57
pubblicato il 15/lug/2014 18:17

Scuola: Ass. Genitori, Giannini chiarisca su futuro strategia Unar Lgbt

(ASCA) - Roma, 15 lug 2014 - Nessun diktat dal ministero o dalle associazioni Lgbt sull'educazione dei figli sara' accettato. Lo ribadisce l'A.Ge.

(Associazione italiana genitori), alla notizia dell'incontro tra il ministro dell'istruzione Stefania Giannini e un gruppo di associazioni Lgbt, venerdi' scorso, al ministero dedicato a ''Come dare seguito nei prossimi mesi alla Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni'' nei confronti delle diversita', con particolare riguardo al tema dell'omofobia.

''Guardiamo con preoccupazione ad alcune dichiarazioni e richieste contenute nel documento che il gruppo di associazioni Lgbt ha consegnato al ministro Giannini - spiega Fabrizio Azzolini, presidente nazionale dell'A.Ge. - in particolare laddove si legge che gli opuscoli dell'istituto Beck sono stati realizzati su mandato dell'Unar 'in una prospettiva scientifica e non ideologica'. E con maggiore apprensione leggiamo che, mentre ci si chiede che 'venga ribadita la centralita' degli Organi Collegiali della scuola, rappresentativi di tutte le sue componenti (personale docente e non docente, genitori e studenti) nella scelta delle proposte educative', si precisi subito che 'qui non siamo di fronte a materie eticamente sensibili. I giovani interagiscono tra di loro e non possiamo lasciare la sola famiglia ad occuparsi di educazione alla affettivita' e alla sessualita' quando la stessa e' impreparata o assente (...).

Questa deve essere generalizzata. Le famiglie devono essere coinvolte ma non sono accettabili veti ideologici'''. 'Ribadiamo a questo proposito - osserva Azzolini - che la Costituzione italiana all'art. 30 e la legge 53/2003, oltre alle Convezioni europee dei diritti dell'uomo e Onu dei diritti del fanciullo e alla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo (art.26) decretano il diritto alla liberta' educativa dei figli. E lo stesso protocollo Pari Opportunita' - Miur sancisce che le attivita' dei due dicasteri promuovano nei giovani la cultura del rispetto e dell'inclusione e 'la prevenzione e il contrasto di ogni tipo di violenza e discriminazione' 'sulla base delle norme e dei valori della Costituzione italiana'''.

Dunque, avverte, ''Non ci lasceremo mai espropriare del nostro prioritario diritto alla liberta' educativa costituzionalmente e universalmente riconosciuto''.

L'associazione dei Genitori sollecita al ministro ''un incontro a breve sul tema chiedendo, inoltre, una data certa per la stesura delle Linee guida per la prevenzione del fenomeno del bullismo e del cyber-bullismo che il ministro, rispondendo oltre un mese fa a un'interpellanza parlamentare, ha annunciato che saranno emanate entro settembre proprio attraverso il confronto diretto e costante con i genitori, 'per fornire', precisava Giannini, alle scuole un contesto pedagogico ed educativo di riferimento all'interno del quale promuovere autonome iniziative con il coinvolgimento degli organi collegiali scolastici'''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nega tensione Renzi-Gentiloni su Agcom:non c'è inciucio con Fi
Conti pubblici
Berlusconi: nuova manovra? Rimasti conti da pagare di Renzi
M5s
Di Maio: né Salvini né Meloni, non facciamo alleanze
L.elettorale
Salvini: Consulta deve consentire di andare a elezioni a maggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4