giovedì 23 febbraio | 03:54
pubblicato il 15/lug/2014 18:17

Scuola: Ass. Genitori, Giannini chiarisca su futuro strategia Unar Lgbt

(ASCA) - Roma, 15 lug 2014 - Nessun diktat dal ministero o dalle associazioni Lgbt sull'educazione dei figli sara' accettato. Lo ribadisce l'A.Ge.

(Associazione italiana genitori), alla notizia dell'incontro tra il ministro dell'istruzione Stefania Giannini e un gruppo di associazioni Lgbt, venerdi' scorso, al ministero dedicato a ''Come dare seguito nei prossimi mesi alla Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni'' nei confronti delle diversita', con particolare riguardo al tema dell'omofobia.

''Guardiamo con preoccupazione ad alcune dichiarazioni e richieste contenute nel documento che il gruppo di associazioni Lgbt ha consegnato al ministro Giannini - spiega Fabrizio Azzolini, presidente nazionale dell'A.Ge. - in particolare laddove si legge che gli opuscoli dell'istituto Beck sono stati realizzati su mandato dell'Unar 'in una prospettiva scientifica e non ideologica'. E con maggiore apprensione leggiamo che, mentre ci si chiede che 'venga ribadita la centralita' degli Organi Collegiali della scuola, rappresentativi di tutte le sue componenti (personale docente e non docente, genitori e studenti) nella scelta delle proposte educative', si precisi subito che 'qui non siamo di fronte a materie eticamente sensibili. I giovani interagiscono tra di loro e non possiamo lasciare la sola famiglia ad occuparsi di educazione alla affettivita' e alla sessualita' quando la stessa e' impreparata o assente (...).

Questa deve essere generalizzata. Le famiglie devono essere coinvolte ma non sono accettabili veti ideologici'''. 'Ribadiamo a questo proposito - osserva Azzolini - che la Costituzione italiana all'art. 30 e la legge 53/2003, oltre alle Convezioni europee dei diritti dell'uomo e Onu dei diritti del fanciullo e alla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo (art.26) decretano il diritto alla liberta' educativa dei figli. E lo stesso protocollo Pari Opportunita' - Miur sancisce che le attivita' dei due dicasteri promuovano nei giovani la cultura del rispetto e dell'inclusione e 'la prevenzione e il contrasto di ogni tipo di violenza e discriminazione' 'sulla base delle norme e dei valori della Costituzione italiana'''.

Dunque, avverte, ''Non ci lasceremo mai espropriare del nostro prioritario diritto alla liberta' educativa costituzionalmente e universalmente riconosciuto''.

L'associazione dei Genitori sollecita al ministro ''un incontro a breve sul tema chiedendo, inoltre, una data certa per la stesura delle Linee guida per la prevenzione del fenomeno del bullismo e del cyber-bullismo che il ministro, rispondendo oltre un mese fa a un'interpellanza parlamentare, ha annunciato che saranno emanate entro settembre proprio attraverso il confronto diretto e costante con i genitori, 'per fornire', precisava Giannini, alle scuole un contesto pedagogico ed educativo di riferimento all'interno del quale promuovere autonome iniziative con il coinvolgimento degli organi collegiali scolastici'''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech