sabato 03 dicembre | 08:36
pubblicato il 27/mag/2013 16:18

Scuola: Anci-Upi, convocare riunione tematica della Conferenza Unificata

(ASCA) - Roma, 27 mag - '''Una sessione della Conferenza Unificata esclusivamente dedicata alle tematiche della scuola''. E' questa la richiesta contenuta nella lettera che il Presidente dell'Anci, Alessandro Cattaneo e il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta hanno inviato al Ministro degli Affari regionali, Graziano Delrio.

La richiesta, spiegano i due Presidenti, nasce dall'esigenza di richiamare l'attenzione sul tema della scuola '''settore dal quale arrivano, con sempre maggiore intensita', segnali di allarme, sintomo di una diffusa e crescente difficolta' sociale, che impone una riflessione congiunta finalizzata all'assunzione di iniziative mirate''. '''I tagli alle entrate dei Comuni e delle Province, in particolare degli ultimi anni - aggiungono - stanno fortemente riducendo la quantit' e la qualita' dei servizi offerti, con le conseguenze che e' facile prevedere per famiglie, bambini e ragazzi''. '''Sono ormai diversi anni che l'intero sistema, dall'edilizia scolastica che sta assumendo le caratteristiche di una emergenza nazionale, ai contributi per il diritto allo studio, dai servizi per la prima infanzia all'istruzione secondaria, versa in uno stato di grande difficolta' in conseguenza dei pesanti tagli, dei forti vincoli sul personale e delle revisioni normative che si sono succedute, rispetto ai quali ANCI ed Upi insieme a Comuni e Province - evidenziano Cattaneo e Saitta - hanno sempre manifestato la loro contrarieta', pur condividendo la necessita' di un efficientamento della spesa e della razionalizzazione organizzativa''.

'''Inoltre, come era prevedibile, l'assetto normativo unitamente alla riduzione delle risorse e all'impoverimento delle famiglie ha determinato un aumento di richieste nei confronti di Comuni e Province che pur tra le mille difficolta' che conosciamo, si sforzano di continuare a garantire il diritto all'istruzione, facendosi carico anche di funzioni non propriamente di loro competenza. Interventi che fino ad oggi abbiamo sostenuto con responsabilita', assicurando ai cittadini servizi efficienti, sono oggi messi seriamente in discussione - segnalano - a causa della pesante riduzione delle risorse a disposizione''.

Per tali motivi '''pur avendo accolto favorevolmente la decisione dell'attuale Governo di non prevedere ulteriori tagli al settore della scuola'', ANCI e Upi chiedono una sessione della Conferenza Unificata dedicata ai temi della scuola perche' credono fermamente '''che si debba comunque intervenire con un piano di riordino complessivo del sistema istruzione tornando ad investire nella qualita' e quantita' del sistema istruzione, con la preminente esigenza di assicurare a tutti i cittadini il diritto allo studio previsto dalla Costituzione oltre che dal miglioramento della qualita' del servizio scolastico quale azione fondamentale per la crescita culturale, sociale ed economica del Paese''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari