lunedì 27 febbraio | 22:20
pubblicato il 19/set/2014 19:17

Scozia: Parolin, la tentazione piu' facile e' quella di chiudersi

(ASCA) - Vicenza, 19 set 2014 - ''La tentazione piu' facile e piu' comoda e' quella di chiudersi''. Cosi' il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano, commenta i troppi processi di isolamento in atto in Europa. ''Accanto ai fenomeni di apertura ci sono anche tanti fenomeni di isolamento e di chiusura, forse un po' per paura. Ad esempio - spiega incontrando i giornalisti a Vicenza, che gli chiedono un commento sull'esito del referendum in Scozia - non e' un risultato scontato quello di quest'Europa che apre le sue frontiere ai nostri gruppi e alle nuove culture.

Evidentemente la differenza fa sempre un po' di paura e suscita qualche timore. Ecco quindi che la tentazione piu' facile e piu' comoda e' quella di chiudersi, ma abbiamo visto che l'isolamento non e' mai produttivo. L'isolamento non porta assolutamente a nessuna crescita, ne' personale ne' del popolo. Quindi e' bene impegnarsi''.

fdm/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech