martedì 06 dicembre | 11:41
pubblicato il 20/ago/2014 18:24

Scontro Tornado: Gelmini (FI), ci inchiniamo a servitori patria

(ASCA) - Roma, 20 ago 2014 - ''La tragedia nei cieli delle Marche ha privato l'Aeronautica militare e l'Italia di giovani e valorosi servitori della Patria. In una giornata di grande tristezza tutti gli italiani si stringono ai familiari di quelle giovani vite stroncate nell'adempimento del loro dovere. Verra' anche il tempo dei chiarimenti e sicuramente e' da apprezzare l'immediata apertura delle inchieste da parte dell'Aeronautica e della Procura della Repubblica di Ascoli Piceno. Ma oggi e' il giorno del silenzio e del rispetto''. Lo dichiara in una nota Mariastella Gelmini, vicecapogruppo vicario di Forza Italia alla Camera.

''La base di Ghedi e' e sempre rimarra' al centro dell'affetto, della vicinanza e della solidarieta' del nostro territorio'', conclude Gelmini.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Ecco la gastro-diplomazia: mangiare bene aiuta a conquistare mondo
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari