lunedì 20 febbraio | 13:00
pubblicato il 29/ott/2014 14:02

##Scontro aperto Cgil-Pd,Picierno:Camusso eletta con tessere false

Camusso: "Renzi messo lì da poteri forti"

##Scontro aperto Cgil-Pd,Picierno:Camusso eletta con tessere false

Roma, 29 ott. (askanews) - E' ormai scontro aperto tra la Cgil e il Pd. La tensione tra il sindacato di Corso Italia e il partito di Matteo Renzi si alimenta, giorno dopo giorno, con accuse e veleni reciproci. Ad innescare la miccia, questa volta, le dure critiche del leader della Cgil, Susanna Camusso, al premier. "Renzi è a Palazzo Chigi per volere dei poteri forti" e si spiega così il fatto che "non parla con noi ma solo con le corporazioni", ha attaccato Camusso in un'intervista a Repubblica.

A rispondere per prima è l'eurodeputata del Pd, Pina Picierno. "Sono rimasta molto turbata dalle parole di Camusso - ha detto nel corso della trasmissione Agorà - e potrei ricordare che la Camusso è stata eletta con tessere false o che la piazza è stata riempita con pullman pagati, ma non lo farò". Dopo la Picierno è la volta del presidente del Pd, Matteo Orfini, che ha affidato ad un tweet la risposta al numero uno della Cgil: "Cara Susanna Camusso, Matteo Renzi a Palazzo Chigi lo ha messo il Pd, decidendolo in direzione. E non ricordo festeggiamenti dei poteri forti".

Pronta la replica della Cgil che ha punta il dito contro "le falsità della Picierno": "siamo indignati per le parole dell'eurodeputata del Pd. Potremmo dire che l'onorevole Picierno dice delle falsità e delle sciocchezze, forse figlie di una fase di nervosismo e di tensioni, essendo il tesseramento della Cgil certificato". Ma la risposta del sindacato chiama in causa anche le primarie in Campania, regione di provenienza della Picierno, insinuando dubbi sulla loro regolarità: "Potremmo, ad esempio, parlare delle primarie in Campania. Potremmo dire tutto questo e altro ancora ma, come si usa adesso, non lo faremo".

Non sono bastate a placare gli animi le scuse dell'eurodeputata Pd e del vicesegretario e portavoce del Pd, Lorenzo Guerini. "Siamo sicuri che Pina Picierno - ha detto Guerini - non voleva offendere nessuno, può capitare nel corso di dibattiti accesi, di dire parole eccessive. Noi abbiamo grande rispetto per un importante realtà sindacale come la Cgil e per le persone che manifestano in piazza le loro opinioni. Dopo di che invitiamo tutti alla misura delle parole e così come noi rispettiamo e riconosciamo i processi decisionali altrui, allo stesso tempo chiediamo uguale rispetto per il percorso democratico degli organismi del nostro partito".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Sinistra
Nasce Sinistra italiana: "Da D'Alema non col cappello in mano"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
CubSat, attivo primo laboratorio spaziale sperimentale
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia