sabato 21 gennaio | 19:13
pubblicato il 18/ott/2013 13:02

Scelta civica: Zanetti, da Monti invito a maggioranza silenziosa

(ASCA) - Roma, 18 ott - ''Credo che il gesto del Presidente Monti abbia voluto essere un invito a tutti coloro che credono in Scelta Civica ad assumersi le proprie responsabilita'. Sono mesi che si sente parlare da parte di alcuni di superamento di Scelta Civica, invece che di rafforzamento di Scelta Civica. A fronte di convegni, dibattiti, dichiarazioni e pranzi ostentati, la maggioranza silenziosa del partito, quella che e' salita in politica per creare qualcosa di nuovo, non per mescolare le carte dell'esistente, e' stata fino a oggi sin troppo silente, nel nome di una nobile volonta' di non esasperazione delle divisioni che pero', alla lunga, rischia di sfociare nella meno nobile ricerca di mediazioni al ribasso e tatticismi personali''. Lo scrive su Facebook Enrico Zanetti, responsabile politiche fiscali di Scelta Civica e vicepresidente della commissione Finanze della Camera.

''Ora e' arrivato il momento di dire le cose come stanno.

E il punto non e' laici e cattolici, popolari e liberali, perche' queste differenze sono semmai la forza di Scelta Civica. Il punto, assolutamente trasversale rispetto alle precedenti categorie, - sottolinea Zanetti - e' riformatori e galleggiatori, innovatori e calcolatori, persone che hanno qualcosa da dare e persone che sono solo alla ricerca di qualcosa da fare. E' su questo, non su altro, che la decisione choc del Presidente Monti vuole portare a confrontarci e contarci all'interno di Scelta Civica.

Perche', in un movimento politico nato per cambiare le cose partendo dalla capacita' e dalla competenza di chi vi si impegna, quando, nonostante le perplessita' evidenziate dai responsabili economici del partito, leggi un comunicato di una decina di parlamentari che esprimono apprezzamento per una manovra molto complessa che gran parte di loro probabilmente ha per ora letto si' e no sui commenti dei giornali, al solo fine di lanciare segnali stile prima repubblica di posizionamento politico interno, capisci che o dai una sterzata netta o non ha piu' senso andare avanti.

E la stragrande maggioranza di noi, auspicabilmente non piu' silenziosi, quella sterzata la vuole e quella sterzata dara' gia' a partire dall'assemblea di martedi''', conclude Zanetti. com-ceg

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4