sabato 21 gennaio | 18:58
pubblicato il 19/ott/2013 11:44

Scelta civica: Monti, senza di me Berlusconi sarebbe al Quirinale

Scelta civica: Monti, senza di me Berlusconi sarebbe al Quirinale

(ASCA) - Roma, 19 ott - L'addio di Mario Monti Scelta Civica non e' stato ''un fulmine a ciel sereno: il cielo non era sereno affatto puo' diventarlo ora. Serviva una ventata che spazzasse via la nebbia, al cui riparo undici senatori, piu' un senatore al governo, operavano per uno snaturamento di Scelta civica. In particolare due capitani di lungo corso: il senatore Pier Ferdinando Casini e il ministro Mario Mauro, piu' altri improbabili compagni di viaggio''. Lo ha spiegato lo stesso Mario Monti in una lunga intervista al 'Corriere della Sera' in cui, fra le altre cose, ha replicato all'accusa di essere un dilettante della politica: ''Se i professionisti sono gli specialisti di slalom, allora mi considero un dilettante'', ha spiegato dopo aver ricordato che ''Casini e Mauro furono tra coloro che mi sollecitarono di piu', un anno fa, perche' accettassi di guidare una nuova formazione politica''. Un avventura di cui l'ex premier, comunque, non si dice ''pentito'' anche perche' ''senza di noi il Pdl avrebbe la maggioranza alla Camera e al Senato, Berlusconi sarebbe diventato a sua scelta presidente della Repubblica o presidente del consiglio, e avrebbe deciso da chi sarebbe stata occupata l'altra posizione''.

Tornando ai contrati interni al partito, Monti ha spiegato che ''Mauro e Casini ed i loro seguaci sostengono che non bisogna recare alcun disturbo'' al governo mentre ''noi, e dico noi perche' negli organi direttivi questa idea e' sempre prevalsa, pensiamo che il nostro ruolo sia pungolare il governo per dare piu' forza al premier''. ''Un contrasto non da poco, ce' tutta la differenza tra una politica dei contenuti, l'unica che interessa a noi, e una politica tipo Gps, cioe' dei posizionamenti, l'unica che forse interessa ad altri''. In questo senso, ha chiarito, ''Casini e Mauro paiono molto attivi nel dissolvere il nostro movimento in un nuovo soggetto 'moderato', aperto a quanto pare anche al Pdl, senza badare troppo se questo si sia veramente emendato di quelle personalita', di quei valori e di quelle linee politiche che sono molto diverse da quelle su cui si e' costituita Scelta Civica''. red-brm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
M5s
Ue, Grillo: Alde? Si vergogni chi si è rimangiato la parola data
Fi
Fi: sostegno Berlusconi a Prodi? Accuse Salvini paradossali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4