martedì 21 febbraio | 18:06
pubblicato il 17/ott/2013 21:15

Scelta Civica: Monti lascia il partito. ''Sfiduciato da 11 senatori''

Scelta Civica: Monti lascia il partito. ''Sfiduciato da 11 senatori''

(ASCA) - Roma, 17 ott - Mario Monti lascia Scelta Civica. Lo comunica lo stesso ex premier attraverso una nota nella quale scrive di aver rassegnato ''le dimissioni da presidente di Scelta Civica. La presidenza verra' assicurata dal vicepresidente vicario Alberto Bombassei, fino all'attivazione delle procedure previste dallo Statuto per la nomina del nuovo presidente. Domani lascero' il gruppo di Scelta Civica del Senato e chiedero' l'iscrizione al gruppo misto''.

La presa di posizione di Monti arriva dopo una nota di undici senatori del partito che chiedevano di porre fine ai ''distinguo e agli opportunismi'' che avrebbero caratterizzato Scelta civica nella discussione sulla Legge di stabilita'. Senatori che, ad opinione dell'ex premier, con la loro dichiarazione lo avrebbero di fatto sfiduciato. ''Sulla base degli elementi resi noti dal Governo sul disegno di legge Stabilita' approvato martedi' sera - spiega Monti - ho avuto ieri scambi di opinioni all'interno di Scelta Civica, in particolare con i presidenti dei Gruppi parlamentari al Senato (sen. Susta) e alla Camera (on.

Dellai), con i responsabili economici (sen. Lanzillotta, sen.

Ichino, on. Zanetti) e con il portavoce politico (sen. Della Vedova). Su tale base, nella serata di ieri ho rilasciato una dichiarazione come presidente di SC. Vi si esprimeva - spiega l'ex premier - una prima valutazione, secondo la quale il ddl Stabilita' appare soddisfacente quanto al rispetto dei vincoli europei, timido per quanto riguarda la riduzione delle tasse, insoddisfacente per quanto riguarda l'orientamento alla crescita. In merito alla maggiore carenza riscontrabile a questo stadio - la mancanza di riforme strutturali incisive, indispensabili per la crescita - si richiamavano le proposte offerte alla considerazione del presidente Letta in un documento rimessogli lunedi' (''Elementi per un contratto di coalizione'')''. Al fine di esercitare sul Governo, sono ancora parole di Monti, ''lo stimolo di cui ha bisogno per affrontare risolutamente le riforme, superando le resistenze conservatrici alle quali e' sottoposto da parte del PdL e del PD, attenti in primo luogo ai rispettivi interessi elettorali, la dichiarazione concludeva: ''La posizione che SC terra' nell'iter parlamentare dipendera' dalla misura in cui il Governo vorra' e sapra' accogliere le preoccupazioni indicate''. Pure nella serata di ieri, quattordici deputati di SC hanno diffuso una loro nota congiunta, sostanzialmente in linea con la mia dichiarazione''.

''Oggi, dal canto loro - sottolinea Monti - undici senatori appartenenti al Gruppo di Scelta Civica - i senatori Albertini, Casini, De Poli, Di Biagio, Di Maggio, D'Onghia, Luigi Marino, Merloni, Olivero, Lucio Romano, Maurizio Rossi - hanno rilasciato una loro dichiarazione congiunta. E' difficile non convenire con il pochissimo che viene detto in ordine alla valutazione del ddl (''e' un primo passo nella giusta direzione''). Ma vi e' un quid specifico, di rilievo politico, che permea la dichiarazione, unisce le posizioni tenute di recente dagli undici firmatari e le connette ad un altro senatore di SC, che non e' tra i firmatari in quanto fa parte del Governo, il Ministro della Difesa sen. Mauro.

In questi giorni il sen. Mauro, con dichiarazioni ed iniziative, e' venuto preconizzando, da un lato, una linea di appoggio incondizionato al Governo, posizione legittima - e naturale in chi fa parte di un governo - ma che non e' la linea di SC, linea definita dai suoi organi direttivi e confermata nella proposta del ''contratto di coalizione''; dall'altro, il superamento di SC in un soggetto politico dai contorni indefiniti ma, a quanto e' dato capire, aperto anche a forze caratterizzate da valori, visioni e prassi di governo inconciliabili con i valori, la visione e lo stile di governo per i quali Scelta Civica e' nata. Per i quali ho accettato di impegnarmi, di impegnare il mio nome e, con esso, di favorire l'ingresso o il ritorno in Parlamento di candidate e candidati che si sono formalmente impegnati a battersi per realizzare quella che essi stessi hanno chiamato ''Agenda Monti''''. Monti rileva di ''non poter non intendere la dichiarazione degli ''undici piu' uno'' senatori come una mozione di sfiducia nei miei confronti. Ne prendo atto. Rassegno le dimissioni da presidente di Scelta Civica. La presidenza verra' assicurata dal vicepresidente vicario Alberto Bombassei, fino all'attivazione delle procedure previste dallo Statuto per la nomina del nuovo presidente. Domani lascero' il gruppo SC del Senato e chiedero' l'iscrizione al gruppo misto''.

L'ex presidente del Consiglio assicura comunque che ''nella mia veste di senatore a vita, non verra' meno il mio impegno per contribuire all'affermazione di quei valori e di quella visione per i quali, confido, quanti hanno aderito al progetto di Scelta Civica per l'Italia continueranno a battersi''.

fdv/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia