sabato 03 dicembre | 15:08
pubblicato il 15/nov/2013 19:00

Scelta civica: Causin, questioni forma per interrompere percorso comune

(ASCA) - Roma, 15 nov - ''Quando si antepongono le questioni di forma, peraltro in modo pretestuoso e provocatorio, significa che non si hanno argomenti politici o si e' predeterminata una volonta' soggettiva di percorrere un'altra strada. Stimo troppo i miei colleghi che oggi hanno abbandonato l'assemblea nazionale di Scelta Civica, per pensare che non abbiano argomentazioni politiche. Se invece, come penso e come tutto cio' che e' accaduto in questi giorni si e' predeterminata una volonta' di interrompere un percorso e dai aprirne un altro sarebbe stato meglio farlo in trasparenza, a viso aperto''. Lo afferma Andrea Causin, responsabile organizzativo di Scelta Civica.

''Le generiche accuse di essere 'cooptati' non corrispondono alla mia storia ne a quello di tanti altri, che hanno potuto e dovuto misurare con il consenso dei cittadini l'aspirazione di coniugare un percorso che ci ha portati ad assumere ruoli di responsabilita'. E' capitato anche a me di decidere, di dover compiere scelte dolorose. Tuttavia quando l'ho fatto - aggiunge Causin - e' accaduto con motivazioni politiche e me ne sono assunto la responsabilita' fino in fondo, pagando il prezzo dovuto. Non ho cercato pretesti per addossare colpe o responsabilita' ad altri, come invece e' avvenuto oggi durante l'assemblea di Scelta Civica. Ho sperato fino all'ultimo che l'assenza di segnali di dialogo che e' stata riservata alla grave responsabilita' che Alberto Bombassei ha dovuto assumere, il progressivo disimpegno nella costruzione del partito, i continui tentativi di superamento di Scelta civica, fossero solo delle coincidenze e non la determinazione ad archiviare l'impegno elettorale assunto con gli elettori di Scelta Civica e, cosa che mi fa piu' male, il disconoscimento dell'operato e dell'impegno di Mario Monti.

Non c'e' chi e' nel giusto o chi e' nel torto. Di errori ne sono stati fatti tanti e sono imputabili a tutti. Ma, la trasparenza e la politica con la 'P'maiuscola necessita' percorsi di tipo piu' alto'', conclude Causin.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari