sabato 03 dicembre | 06:04
pubblicato il 18/ott/2013 14:12

Scelta Civica: Balduzzi, Monti toglie alibi a posizionamenti personali

Scelta Civica: Balduzzi, Monti toglie alibi a posizionamenti personali

(ASCA) - Roma, 18 ott - ''Ho detto a Mario Monti che comprendo il suo gesto, inconsueto in un Paese nel quale dominano la mediazione estenuante e la ricerca di un posizionamento personale a tutti i costi. Gli ho chiesto anch'io di ripensarci, perche' la sua presenza ha caratteristiche uniche di garanzia. Ma non posso non constatare che le sue dimissioni stanno togliendo ogni alibi ai tanti navigatori dei palazzi della politica, dentro e fuori Scelta Civica''. Lo afferma in una nota Renato Balduzzi, deputato SC e presidente della commissione parlamentare per le Questioni regionali. ''Nessuno - aggiunge - puo' ora pensare di predicare a sinistra e razzolare a destra (o viceversa), di inneggiare alla legalita' e di manovrare per perpetuare l'anomalia italiana, di autodefinirsi popolare dimenticando che, in Italia come in altri Paesi europei (e Wilfried Martens lo sapeva bene), popolarismo ha sempre rimato con solidarieta' e con legalita', non con populismo e conservatorismo''.

Per Balduzzi, ''anche il rapporto con il Governo puo' diventare piu' limpido: la stabilita' non puo' essere fine a se stessa, ma strumento per fare il bene del Paese con le riforme strutturali di cui ha bisogno. Scelta Civica non ha mai voluto essere un partito personale, essendo lo stile del suo presidente agli antipodi della cultura e della pratica del partito personale''. Oggi, ''lasciati soli, almeno temporaneamente, dal nostro fondatore - sollecita Balduzzi - dobbiamo riuscire a dimostrare che il progetto di Monti (che non era solo un'agenda, ma uno stile e una provocazione alla politica) di ristrutturare il sistema politico italiano, togliendo spazio ai conservatorismi come ai populismi e ai massimalismi, ha la forza per dire qualcosa a quei tanti italiani che non si accontentano di protestare senza proporre, di gridare agli scandali altrui senza guardarsi allo specchio, di lamentare il basso livello dei politici e al tempo stesso di non preoccuparsi di chi i partiti mettono nelle liste''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari