domenica 22 gennaio | 02:49
pubblicato il 18/ott/2013 14:12

Scelta Civica: Balduzzi, Monti toglie alibi a posizionamenti personali

Scelta Civica: Balduzzi, Monti toglie alibi a posizionamenti personali

(ASCA) - Roma, 18 ott - ''Ho detto a Mario Monti che comprendo il suo gesto, inconsueto in un Paese nel quale dominano la mediazione estenuante e la ricerca di un posizionamento personale a tutti i costi. Gli ho chiesto anch'io di ripensarci, perche' la sua presenza ha caratteristiche uniche di garanzia. Ma non posso non constatare che le sue dimissioni stanno togliendo ogni alibi ai tanti navigatori dei palazzi della politica, dentro e fuori Scelta Civica''. Lo afferma in una nota Renato Balduzzi, deputato SC e presidente della commissione parlamentare per le Questioni regionali. ''Nessuno - aggiunge - puo' ora pensare di predicare a sinistra e razzolare a destra (o viceversa), di inneggiare alla legalita' e di manovrare per perpetuare l'anomalia italiana, di autodefinirsi popolare dimenticando che, in Italia come in altri Paesi europei (e Wilfried Martens lo sapeva bene), popolarismo ha sempre rimato con solidarieta' e con legalita', non con populismo e conservatorismo''.

Per Balduzzi, ''anche il rapporto con il Governo puo' diventare piu' limpido: la stabilita' non puo' essere fine a se stessa, ma strumento per fare il bene del Paese con le riforme strutturali di cui ha bisogno. Scelta Civica non ha mai voluto essere un partito personale, essendo lo stile del suo presidente agli antipodi della cultura e della pratica del partito personale''. Oggi, ''lasciati soli, almeno temporaneamente, dal nostro fondatore - sollecita Balduzzi - dobbiamo riuscire a dimostrare che il progetto di Monti (che non era solo un'agenda, ma uno stile e una provocazione alla politica) di ristrutturare il sistema politico italiano, togliendo spazio ai conservatorismi come ai populismi e ai massimalismi, ha la forza per dire qualcosa a quei tanti italiani che non si accontentano di protestare senza proporre, di gridare agli scandali altrui senza guardarsi allo specchio, di lamentare il basso livello dei politici e al tempo stesso di non preoccuparsi di chi i partiti mettono nelle liste''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4