mercoledì 07 dicembre | 18:08
pubblicato il 30/gen/2012 07:23

Scalfaro/ Amato: fu sempre leale anche con Craxi e il Psi

Fu il principale garante e regista della transizione

Scalfaro/ Amato: fu sempre leale anche con Craxi e il Psi

Roma, 30 gen. (askanews) - " stato il primo presidente della transizione. Anche chi non fa distinzione tra Prima e Seconda Repubblica - dice Giuliano Amato in un'intervista concessa a La Stampa sulla scomparsa di Oscar Luigi Scalfaro - vede la transizione a una diversa politica economica e finanziaria e allo sparire di partiti storici, sostituiti con altri completamente nuovi. Una transizione dovuta alla prima forte scossa del nostro bilancio pubblico, e alla gravissima crisi politica legata a Mani Pulite, della quale Scalfaro si è trovato ad essere il principale garante e in parte il regista, come accade in momenti di crisi a ogni Presidente". "Nell'interpretare il ruolo istituzionale - aggiunge Amato nell'intervista - Scalfaro, che era un uomo molto leale e che si esponeva in prima persona, mise tutta la propria forte tempra: la dimensione morale era per lui al primo posto, sempre, anche in politica". Quanto ai rapporti con Bettino Craxi, "Scalfaro - garantisce Amato - era un estimatore di Craxi, gli era leale, e Craxi lo sapeva. Nella primavera del 1987, quando il governo Craxi entrò in crisi sul "patto della staffetta" tra lo stesso Craxi e De Mita, nella Dc cominciò la ricerca di un nome col quale sostituirlo. L'incarico venne prospettato a Scalfaro, che si rifiutò quando accertò che la condizione era che i socialisti uscissero dal governo. E fu leale anche nel '93, da Presidente della Repubblica: nelle consultazioni non veniva fuori il nome di Craxi, che Scalfaro si aspettava, almeno come indicazione. E allora Craxi gli diede una terna: Amato, De Michelis, Martelli. In un ordine 'non solo alfabetico', mi disse Scalfaro che emise un comunicato convocandomi subito al Quirinale perché temeva 'che nella notte avvengano trambusti'. Anche in quella occasione, Scalfaro si espose personalmente, e vivemmo una vicenda simile a quella recente di Napolitano e Monti, e stemmo tre ore al Quirinale ad eliminare alcuni nomi indicati dai partiti, sostituendoli con tecnici. 'Abbiamo realizzato una qualche applicazione dell'articolo 92 della Costituzione', mi disse".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi e Pd pronti a governo istituzionale: ma con numeri larghi
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni