lunedì 27 febbraio | 11:30
pubblicato il 26/mag/2014 13:18

Sc: Rabino, ora creare un nuovo soggetto liberale democratico e popolare

(ASCA) - Roma, 26 mag 2014 - ''Occorre avviare subito un processo costituente per la creazione di un nuovo soggetto politico liberale democratico e popolare, che parta dai territori. Dobbiamo dare al piu' presto un riferimento stabile e una casa comune a quegli italiani, oggi 200 mila, e li ringrazio per questo ''atto di fede'' in un contesto difficilissimo, e domani auspicabilmente molti di piu', che si aspettano una Riforma Europea dell'Italia, un processo di modernizzazione e cambiamento profondi per il nostro Paese all'insegna dei valori liberali''. Lo ha dichiarato il responsabile Organizzazione ed Enti Locali di Scelta Civica, Mariano Rabino. ''Le ragioni della nostra Scelta Europea sono tutte da rivendicare: dobbiamo riconoscere di aver sbagliato a comunicarle o meglio dobbiamo riconoscere che qualcun altro e' stato piu' bravo di noi a farle proprie. Onore e merito alla svolta liberale e riformista di Matteo Renzi, che ha portato il Pd a risultati storici. Le nostre ragioni, dunque, hanno vinto. Non abbiamo vinto noi. Cosa fare ora? Una prima risposta istintiva potrebbe essere quella di diventare la costola liberale del Pd. Invece ritengo che occorra costuire un presidio autonomo, visibile e permanente per i valori liberaldemocratici e popolari perche' Renzi e' si' un leader liberale, ma il Pd rischia ancora di essere prigioniero dei retaggi e condizionamenti conservatori di certo socialismo europeo. Scelta Europea e' stata una prima tappa per costruire questa casa. La prima uscita non e' stata esaltante, tutt'altro!, anche se il contesto di polarizzazione mediatica tra politica e antipolitica ha finito per spazzare via, a vantaggio di Renzi, le forze identitarie intermedie'', aggiunge Rabino. ''Fare per fermare il declino, Centro Democratico e Scelta Civica dichiarino conclusa la loro missione; sciolgano le loro organizzazioni e si mettano con generosita' a disposizione, anche con i loro gruppi parlamentari, del cantiere costituente unitario, in modo che sia inclusivo ed aperto verso tutti i mondi liberali e popolari, oggi frammentati in mille rivoli. Per produrre una nuova, indispensabile spinta propulsiva si autoconvochino al piu' presto assemblee territoriali aperte in modo da eleggere democraticamente leader territoriali provvisori. Si fissi per luglio una Conferenza Nazionale per definire identita', valori e programma del nuovo soggetto politico e si convochino per settembre primarie liberali, popolari, libere e aperte a tutti i cittadini, per la elezione del leader, in modo da avere una guida forte e finalmente legittimata dal basso'', conclude Rabino.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: elezioni nel 2018, deciderà Gentiloni se votare prima
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech