sabato 03 dicembre | 11:01
pubblicato il 17/feb/2014 19:27

Sardegna/Regionali: Serracchiani, vittoria Pigliaru speranza rinascita

(ASCA) - Trieste, 17 feb 2014 - ''La vittoria di Francesco Pigliaru e' una speranza di rinascita per una Regione straordinaria''. Lo afferma Debora Serracchiani, presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia e componente della segreteria nazionale del Partito Democratico, commentando l'esito delle elezioni regionali in Sardegna.

''L'orgoglio di una regione ferita da anni di non governo del centrodestra ha trovato una risposta nella figura concreta, competente e autorevole di Pigliaru con cui sono certa che instaureremo subito un rapporto di collaborazione.

Le nostre sono entrambe Regioni autonome che possono e devono dare il loro contributo peculiare in sede di riforma del Titolo V e del Senato''.

''Il segnale ulteriore che viene dall'astensionismo conferma l'urgente necessita' di un'azione di governo incisiva che sblocchi il Paese e dia le risposte troppo a lungo attese per recuperare il rapporto - conclude Serracchiani - fra cittadini e politica''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari