venerdì 20 gennaio | 13:30
pubblicato il 09/ago/2013 12:50

Sardegna/elezioni: primarie sotto l'ombrellone per il Pd. Sei candidati

Sardegna/elezioni: primarie sotto l'ombrellone per il Pd. Sei candidati

(ASCA) - Cagliari, 9 ago - Confermate le primarie sulle spiagge del Pd sardo. Per scegliere lo sfidante di Cappellacci (il presidente uscente di centrodestra, insidiato, per altro, a suo volta da un ex presidente della stessa area, Pili), il Partito Democratico si appresta ad una conta tutta interna alle sue diverse anime, una sorta di congresso regionale. I diversi potentati hanno schierato ciascuno propri campioni per pesare la rispettiva forza e giungere poi ad una intesa per il ballottaggio che appare, a questo punto, inevitabile, tra i primi due votati. Ecco quindi, a conferma dei rumors della vigilia, l'eurodeputata Francesca Barracciu, sulla cui candidatura, a sorpresa converge anche Renato Soru. Seguono poi il presidente della Provincia di Nuoro, Roberto Deriu, il sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, Andrea Murgia (dovrebbe rappresentare nella conta le posizioni di Pippo Civati). Alla ricerca di visibilita' elettorale per le rispettive formazioni politiche hanno annunciato poi la presenza (compito delle vacanze sara' la raccolta delle firme che convalideranno le candidature reali il prossimo 2 settembre), Simone Atzeni (Psi) e Maurizio Piras (Idv, ma il partito sembra impegnato nella battaglia per primarie aperte e non limitate alla solitaria competizione interna al Pd).

Sel, Idv, Upc, Verdi e Centro Democratico, potenziali partner del centrosinistra sono apparsi nei giorni scorsi fortemente irritati per queste primarie ''confezionate in casa'' dal Pd del Segretario regionale Silvio Lai. Per cercare di attenuare il contrasto, il Pd starebbe sollecitando candidature da queste aree politiche, per legittimare il processo delle primarie, offrendo esclusivamente per gli altri partiti della potenziale coalizione la possibilita' di aggiungere candidature entro il 2 settembre senza necessita' di raccolta delle firme. Una decisione in proposito potrebbe essere presa in giornata dal Comitato dei garanti chiamato a presiedere il processo delle primarie. Sin qui, dunque, nessuna apertura dal centrosinistra a candidature della societa' civile, nel tentativo di colmare il divario con il centrodestra.

Nel frattempo si manifestano iniziative degli indipendenti e degli ''indipendentisti''. Michela Murgia, scrittrice, a cui sembra guardare con simpatia il gruppo editoriale di Repubblica, ha da tempo avanzato il suo progetto con ProgRes (Progetu Republica Sarda), mentre Sardigna Natzione Indipedentzia ed il Movimento artigiani hanno aperto un dialogo per un fronte comune con Psd'Az, partito dei sardi, Rossomori ed altri gruppi minori. bef/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoti
Gentiloni a Chigi, pre-Consiglio ministri su emergenze sisma-neve
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Our Place in Space, in mostra l'Universo nelle immagini di Hubble
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale