mercoledì 07 dicembre | 19:18
pubblicato il 02/ago/2013 14:09

Sardegna/elezioni: per il Pd primarie sotto il sole d'agosto

Sardegna/elezioni: per il Pd primarie sotto il sole d'agosto

(ASCA) - Cagliari, 2 ago - Primarie del tutto inusuali per la candidatura a presidente della Regione in Sardegna. Pd ed alleati hanno infatti deciso di avviare il processo delle primarie nel cuore del mese di agosto. Secondo il regolamento previsto per la coalizione, gli aspiranti candidati dovrebbero presentare le candidature il prossimo 8 agosto, raccogliere le firme sulle spiagge dell'isola nelle settimane successive e presentarle il giorno 2 di settembre. Il voto sulle candidature sarebbe rinviato poi al giorno del compleanno di Bersani (e di Berlusconi), il 29 settembre.

Nonostante il curioso cronogramma (che non manca di sollecitare interrogativi negli ambienti isolani circa la reale volonta' di aprire la primarie al di la' dei soliti noti), la platea dei pretendenti appare gia' affollata. Dopo la rinuncia di pezzi da novanta come l'ex governatore Renato Soru, il segretario regionale e parlamentare del Pd, Silvio Lai, l'on. Francesco Sanna, stretto collaboratore del premier Enrico Letta, appaiono pronti a misurarsi in quella che sembra una conta molto interna al sistema politico locale, il presidente della provincia di Nuoro, Roberto Deriu, l'eurodeputata Francesca Barracciu, il sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, esponenti del Pd, mentre per il Partito socialista il candidato sarebbe Simone Atzeni, e Italia dei valori punterebbe sul costituzionalista Pietro Ciarlo.

Controversa la candidatura di Paolo Manichedda, proveniente dal Partito sardo d'azione.

A sorpresa, il sottosegretario alla salute, Paolo Fadda (Pd), ha lanciato nelle scorse settimane il nome di un sacerdote, don Ettore Cannavera che, dal canto suo, in una intervista all'Unione Sarda, ha ricordato di avere gia' ricevuto, a suo tempo, offerte di candidatura a Sindaco di Cagliari ed a presidente della Provincia, senza, tuttavia, accoglierle.

Riserbo stretto, invece, sull'ipotesi che vorrebbe antagonista del governatore uscente, Cappellacci, l'esponente sindacale dei giornalisti Franco Siddi, segretario generale della Federazione nazionale della stampa. Radicato a Cagliari, Siddi, considerato esterno alla dinamica politica locale, viene preconizzato da molti osservatori come risorsa da spendere nell'occasione.

sat/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni