sabato 03 dicembre | 12:48
pubblicato il 30/ott/2013 13:06

Sanita': Zaia, patto distingua tra Regioni virtuose e quelle sprecone

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''Il patto per la salute non e' altro che una distribuzione orizzontale della torta dei fondi sul territorio nazionale. Noi chiediamo pero' l'introduzione dei costi standard, gia pronti dal 2011''. Lo ha spiegato il presidente della Regione Veneto, parlando a 'Parima di tutto' su Radio 1. ''Di cosa si tratta: noi siamo convinti che aumentando i fondi in modo indiscriminato non si migliora la situazione. Perche' se si distribuisce in modo orrizzontale, se ne beneficia il Veneto, regione virtuosa e anche quelle sprecone. In Veneto una siringa costa 4 centesimi, in altre regioni 24; in Veneto un pasto in ospedale costa 6 euro, in altre si arriva a 60-80 euro, neanche fosse un ristorante da guida Michelin. Quindi noi vogliamo che i costi standard devono riguardare tutti, tutti devono adeguarsi al rigore nei conti. Ci consentirebbe un risparmio di oltre 30 miliardi , quasi una finanziaria, da investire in piu' lavoro e meno tasse'' ha concluso Zaia. res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari