domenica 26 febbraio | 20:26
pubblicato il 30/ott/2013 13:09

Sanita': Zaia, nel periodo 2011-15 tagli a Regioni per 31 mld

(ASCA) - Roma, 30 ott - ''Le regioni italiane avranno nel periodo 2011/15 minori entrate per il settore sanita nell'ordine di 31 miliardi, e questa e' una autentica tragedia perche' parliamo della salute dei cittadini, della qualita' dei servizi erogati ai citadini''. Lo ha spiegato il presidente della Regione veneto, Luca Zaia, a 'Prima di tutto' su Radio 1. ''E questo tocca anche regioni virtuose, come il mio Veneto nel quale in tempi non sospetti, per intenderci quelli delle vacche grasse, noi abbiamo avuto il coraggio di chiudere ospedali non piu' competitivi, abbiamo investito in nuove tecnologie, sino ad arrivare ad essere nella sanita' la prima regione italiana. Primato che e' a rischio, continuando i tagli. Io ad esempio- ha aggiunto Zaia - ho aperto gli ospedali di notte, dalle 20 alle 24, per abbattere le liste d'attesa. Non si comprano nuovi mammografi, nuove tac, nuove risonanze ma si usano maggiormente quelli esistenti, che andranno prima in ammortamento e cosi' accelero il ricambio con macchinari nuovi. La signora che va in ospedale a farsi la mammografia non rischia cosi' di farla con un macchinario vecchio di 15 anni'' .

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Veltroni: la sinistra divisa consegna l'Italia al polulismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech