lunedì 27 febbraio | 17:18
pubblicato il 10/lug/2014 15:50

Sanita': Zaia, governo ha modificato Patto salute. No intesa con Regioni

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - ''Giovedi' scorso ci siamo lasciati con un'intesa precisa addirittura annunciata in anticipo dal Ministro Lorenzin. Oggi ci siamo trovati sul tavolo un testo con importanti modifiche introdotte unilateralmente dal Governo che sono inaccettabili e che abbiamo respinto il mittente. E' evidente che ci sono contrasti tra Ministeri, ma non sono le Regioni a doversene fare carico''.

Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, presente a Roma alla Conferenza dei presidenti delle regioni che doveva sancire ufficialmente l'accordo col Governo sul nuovo Patto Nazionale per la Salute, accompagnato dall'Assessore alla Sanita' Luca Coletto, boccia i contenuti del testo inviato dal Governo alle Regioni che, secondo Zaia e lo stesso Coletto, ''contiene modifiche tanto negative quanto significative, introdotte praticamente di soppiatto, con una deludente marcia indietro rispetto al clima di collaborazione della scorsa settimana''.

''Le modifiche che ci sono arrivate oggi - aggiunge Zaia - riguardano aspetti fondamentali sia per la gestione futura del piano, che e' triennale, sia per l'aspetto fondamentale dell'erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, sia per la programmazione del personale''.

''In Conferenza Stato-Regioni - precisa Coletto - le Regioni porteranno l'accordo nel testo concordato giovedi' scorso e da li' non intendiamo muoverci''.

''Sono stati tolti o reintrodotti - aggiunge Coletto - alcuni punti estremamente significativi, che noi ribadiamo con forza, su aspetti pregnanti, come il meccanismo di premialita' per le Regioni che si avvicinano alla corretta erogazione dei Lea, che non puo' gravare sul budget sanitario annuale; i tempi di gestione delle nuove piante organiche da definire sulla base della spending review, che non possono essere uguali per chi e' in regola con i bilanci e chi non lo e'; eventuali interventi governativi alla luce di mutamenti macroeconomici al momento imprevedibili, che devono prevedere una revisione dei contenuti del Patto e non essere genericamente scaricati sulle Regioni. E' il solito gioco allo scaricabarile del debito pubblico sulle Amministrazioni locali - conclude Coletto - che il Governo tenta di riproporre con poca fantasia. Ci stanno annoiando!''.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Renzi: Ranieri tradito dai suoi giocatori, ma tornerà...
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Vitalizi
M5s: pensioni parlamentari come cittadini, basta ok a delibera
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Specie a rischio, dalla genetica molecolare un aiuto per salvarle
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech