domenica 22 gennaio | 18:22
pubblicato il 10/lug/2014 15:50

Sanita': Zaia, governo ha modificato Patto salute. No intesa con Regioni

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - ''Giovedi' scorso ci siamo lasciati con un'intesa precisa addirittura annunciata in anticipo dal Ministro Lorenzin. Oggi ci siamo trovati sul tavolo un testo con importanti modifiche introdotte unilateralmente dal Governo che sono inaccettabili e che abbiamo respinto il mittente. E' evidente che ci sono contrasti tra Ministeri, ma non sono le Regioni a doversene fare carico''.

Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, presente a Roma alla Conferenza dei presidenti delle regioni che doveva sancire ufficialmente l'accordo col Governo sul nuovo Patto Nazionale per la Salute, accompagnato dall'Assessore alla Sanita' Luca Coletto, boccia i contenuti del testo inviato dal Governo alle Regioni che, secondo Zaia e lo stesso Coletto, ''contiene modifiche tanto negative quanto significative, introdotte praticamente di soppiatto, con una deludente marcia indietro rispetto al clima di collaborazione della scorsa settimana''.

''Le modifiche che ci sono arrivate oggi - aggiunge Zaia - riguardano aspetti fondamentali sia per la gestione futura del piano, che e' triennale, sia per l'aspetto fondamentale dell'erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, sia per la programmazione del personale''.

''In Conferenza Stato-Regioni - precisa Coletto - le Regioni porteranno l'accordo nel testo concordato giovedi' scorso e da li' non intendiamo muoverci''.

''Sono stati tolti o reintrodotti - aggiunge Coletto - alcuni punti estremamente significativi, che noi ribadiamo con forza, su aspetti pregnanti, come il meccanismo di premialita' per le Regioni che si avvicinano alla corretta erogazione dei Lea, che non puo' gravare sul budget sanitario annuale; i tempi di gestione delle nuove piante organiche da definire sulla base della spending review, che non possono essere uguali per chi e' in regola con i bilanci e chi non lo e'; eventuali interventi governativi alla luce di mutamenti macroeconomici al momento imprevedibili, che devono prevedere una revisione dei contenuti del Patto e non essere genericamente scaricati sulle Regioni. E' il solito gioco allo scaricabarile del debito pubblico sulle Amministrazioni locali - conclude Coletto - che il Governo tenta di riproporre con poca fantasia. Ci stanno annoiando!''.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4