mercoledì 18 gennaio | 09:41
pubblicato il 29/ago/2013 15:07

Sanita': Talarico, confronto con governo per stabilizzazione precari

Sanita': Talarico, confronto con governo per stabilizzazione precari

(ASCA) - Catanzaro, 29 ago - ''Credo sia indispensabile avviare un confronto con i Ministri Lorenzin, D'Alia e Delrio, al fine di poter pervenire alla rinuncia dell'impugnativa sulla legge regionale 12/2013 che riguarda il precariato storico nella sanita' e non comporta alcun aggravio di spesa, ma contribuirebbe a recuperare l'insufficienza dei livelli essenziali di assistenza erogati nelle aziende ospedaliere e nelle strutture di servizio territoriali soprattutto a causa della cronica carenza di personale che pregiudica la qualita' delle stesse prestazioni nei confronti dell'utenza''. Cosi' il presidente del consiglio regionale della Calabria Francesco Talarico che ha accolto ''positivamente'' l'appello che a lui e a tutti i parlamentari nazionali e regionali calabresi e' stato rivolto dal senatore Antonio Gentile per un impegno condiviso e sinergico affinche' il Governo  possa rivedere la propria posizione in ordine all'impugnativa della legge regionale 12/2013 (provvedimenti per garantire la piena funzionalita' del sistema sanitario regionale). ''Ritengo - spiega Talarico - che le ragioni e lo spirito della norma approvata, voglio ricordarlo, con la responsabile astensione delle opposizioni e con il voto favorevole di alcuni colleghi consiglieri facenti parte della minoranza, siano di notevole rilevanza sociale. Le recenti dichiarazioni del Ministro Lorenzin, infatti, lasciano presagire che il Governo nazionale stia lavorando, giustamente, per trovare una soluzione alla questione attinente la stabilizzazione definitiva del personale precario della sanita', ivi incluso quello delle Regioni soggette al piano di rientro''. ''Ovviamente la mia disponibilita', che sono certo trovera' concorde tutte le forze presenti in Consiglio regionale - conclude il presidente - contribuira' ad allargare la base del dialogo e del coinvolgimento con le rappresentanze sociali e sindacali su una questione di alto profilo sociale e politico e di forte impatto sulla nostra comunita'. In questo momento cosi' difficile, infatti, il pensiero non puo' non andare alle famiglie dei tantissimi precari calabresi non solo nella sanita', ma nei settori piu' diversi. La norma in questione, servirebbe a portare stabilita' e quindi sicurezza economica e gratificazione professionale in un comparto delicato e strategico, quale sempre piu' si sta caratterizzando la sanita' calabrese''. red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa