venerdì 20 gennaio | 17:36
pubblicato il 10/lug/2014 16:14

Sanita': M5S, integrare pubblico-privato? Renzi smentisca suoi ministri

(ASCA) - Roma, 10 lug 2014 - ''Non accettiamo di far passare il concetto di un diritto alla salute realizzato attraverso l'ausilio o, ancora peggio, l'obbligo di un'assicurazione privata. Se, come emerge dai segnali lanciati in queste ore dai ministri Lorenzin e Poletti, il Governo intende attuare queste politiche affaristiche, si preparino ad affrontare una battaglia durissima perche' noi non ci stiamo. Altrimenti, invitiamo il presidente del Consiglio a smentire immediatamente i suoi ministri''. Cosi' i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari Sociali commentano quanto riportato da alcuni organi di stampa relativamente al convegno di presentazione del rapporto ''Welfare, Italia. Laboratorio per le nuove politiche sociali di Censis e Unipol'', che si e' svolto mercoledi' alla presenza dei ministri della Salute e del Lavoro. ''Quella di un welfare pubblico che finisca tra le braccia delle compagnie assicurative e' piu' di un'ipotesi. In occasione del convegno il presidente di Unipol, Pierluigi Stefanini, ha affermato che se saranno superati 'i pregiudizi consolidati, il pilastro socio-sanitario, inteso non piu' solo come un costo, puo' divenire una solida filiera economico'. Tutto questo il numero uno dell'assicurazione delle cooperative rosse lo ha detto parlando davanti al 'suo' ministro, Poletti, ex presidente di Legacoop, il quale a sua volta ha definito l'integrazione sanitaria tra pubblico e privato 'una vera rivoluzione produttiva e occupazionale'.

A metterci il carico - aggiungono - e' stata poi il ministro Lorenzin, la quale ha affermato che, a partire da settembre, la sanita' integrativa sara' un 'pilastro' della riorganizzazione del SSN''. ''Parole, quelle dei due ministri, che'' per il Movimento 5 Stelle ''sono macigni'': ''Invitiamo il presidente del Consiglio a smentire immediatamente, con dichiarazioni e fatti, i suoi ministri e le logiche affaristiche e di parte che esprimono. Questa visione utilitarista, non universalmente garantista, di societa' e della sanita' e', per noi, semplicemente irricevibile''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Terremoti
Terremoto, Salvini: dimissioni Curcio? Qualcosa non ha funzionato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire