martedì 17 gennaio | 18:09
pubblicato il 18/apr/2014 11:30

Sanita': Lorenzin, oggi in Cdm sara' battaglia. Mai pensato dimissioni

Sanita': Lorenzin, oggi in Cdm sara' battaglia. Mai pensato dimissioni

(ASCA) - Roma, 18 apr 2014 - ''Non ho pensato di dimettermi, ho pensato invece di combattere, per spiegare a che la politica sanitaria, la salute delle persone ha bisogno di una strategia''. Lo afferma il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, intervistata oggi da Giovanni Minoli a Mix24, su Radio 24. Ed alla domanda se ci sara' battaglia oggi in Consiglio dei ministri sul tema dei tagli risponde ''Direi proprio di si''' ed aggiunge ''Se ci sono tagli sugli acquisti a me vanno bene. Nella sanita' ci sono ancora tanti sprechi, nelle lavanderie degli ospedali, nelle mense nella gestione dei rifiuti. Ma non si puo' andare a toccare i servizi primari alle persone. Se non c'e' la capacita' di capire che puo' essere il ministero della Salute insieme alle regioni a gestire questo risparmio e' difficile che le regioni possano continuare cosi'''.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Centrodestra
Salvini sfida Berlusconi su leadership. Cav: io ancora decisivo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa