giovedì 23 febbraio | 15:13
pubblicato il 15/ott/2013 11:00

Sanita': Lanzillotta, riorganizzare rete regionale per riassorbire tagli

Sanita': Lanzillotta, riorganizzare rete regionale per riassorbire tagli

(ASCA) - Roma, 15 ott - ''Il nostro sistema sanitario negli ultimi dieci anni, come evidenziato ampiamente dal rapporto Giarda, ha aumentato la spesa di circa 50 miliardi di euro, una cifra enorme senza un corrispondente aumento nella qualita' dei servizi offerti''. E' quanto ha dichiarato il Vice Presidente del Senato, Linda Lanzillotta durante la trasmissione Uno Mattina su Rai1. ''C'e' evidentemente non solo un problema di costi standard ma anche di un'organizzazione del sistema che le regioni non hanno ancora fatto a causa di forti pressioni locali. La classe dirigente regionale - ha concluso l'esponente di Scelta Civica - deve impegnarsi in un'operazione di riorganizzazione profonda e anche di revisione delle singole prestazioni mediche cosa che dipende anch'essa da dinamiche interne del sistema sanitario''.

com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo: entro due giorni Raggi risolve questione di stadio Roma
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Roma
Grillo: Roma una bomba atomica, che pretendete da M5s?
Governo
Renzi: governo fa cose importanti ma se ne parla poco
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Grana Padano, nuovo marchio indica provenienza latte su confezioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech