martedì 17 gennaio | 06:18
pubblicato il 27/mag/2014 13:52

Sanita': Issirfa-Cnr, spesa corrente aumentata in 5 Regioni

(ASCA) - Roma, 27 mag 2014 - La spesa sanitaria corrente si e' mediamente ridotta ed e' rimasta stabile in rapporto al Pil (7%): e' pero' aumentata tra l'1 e il 2% in Friuli Venezia Giulia, Abruzzo, Sardegna, Trento e Bolzano, mentre e' calata in Liguria (3,2%), Basilicata, Piemonte, Toscana, Marche, Molise, Campania, Puglia. La spesa farmaceutica convenzionata e' diminuita quasi del 9%, quella per il personale dell'1,4%. A dirlo, 'Il rapporto sulle Regioni in Italia 2013' dell'Istituto di studi sui sistemi regionali federali e sulle autonomie 'Massimo Severo Giannini' del Consiglio nazionale delle ricerche (Issirfa-Cnr).

Il disavanzo e' sceso di oltre 500 milioni (-20%) passando, in rapporto al finanziamento effettivo, dal 6,5% del 2006 al 2% nel 2012, ma la riduzione e' pesata per piu' di tre quarti sulle Regioni con piano di rientro (Piemonte, Veneto e Lazio), mentre si e' verificato un aumento in quelle a statuto speciale e nelle Province autonome.

''Le politiche socio-assistenziali risentono, forse piu' ancora, della crisi economica. La materia rappresenta circa il 10% della produzione normativa regionale ma i contenuti sono cambiati sensibilmente: ferma la spinta alla crescita, ci si orienta a garantire l'esistente'', dichiara il direttore dell'Istituto, Stelio Mangiameli. ''Il 2012 e' stato un anno di grande difficolta', giacche' la Legge di stabilita' ha stanziato per il Fondo nazionale politiche sociali solo 70 milioni di euro, di cui appena 10,7 destinati alle Regioni, molte delle quali continuano comunque a sostenere famiglie a basso reddito, numerose, con anziani e/o disabili - Lombardia, Sicilia, Umbria, Bolzano, Campania, etc. - e a intervenire nell'ambito dei servizi per l'infanzia: Piemonte ed Emilia-Romagna, per esempio''.

Alcune Regioni hanno tentato di limitare l'accesso alle prestazioni sociali per 'anzianita' di residenza' sul territorio, criterio che la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale. Per quanto riguarda gli stranieri non comunitari, il numero dei regolari e' in costante crescita e la diminuzione di nuovi ingressi e' netta, mentre nel 2012 e' in risalita la quota di italiani che si trasferiscono all'estero. ''Una ripresa della migrazione, soprattutto dei giovani, registrata dalle Regioni ancor prima che dallo Stato'', osserva Mangiameli.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello