lunedì 05 dicembre | 21:31
pubblicato il 15/mag/2014 16:42

Sanita': D'Anna (Gal), nuovi farmaci epatite C sostenibili per SSN

(ASCA) - Roma, 15 mag 2014 - ''L'acquisto dei nuovi farmaci per contrastare l'Epatite C non mandera' in fallimento il Sistema sanitario nazionale, come gia' evidenziato nell'interrogazione parlamentare che ho presentato al ministro della Salute Beatrice Lorenzin''. Lo evidenzia il senatore Vincenzo D'Anna, vicepresidente del gruppo Grandi Autonomie e Liberta', in occasione della negoziazione dell'Aifa con le case farmaceutiche produttrici dei nuovi farmaci. ''La tesi che abbiamo presentato al ministro - spiega D'Anna - e' stata ripresa anche da Francesco Saverio Mennini, noto economista sanitario, che ha pubblicato un modello su Health Policy Model dimostrando i risparmi che avra' il Ssn.

Come abbiamo gia' detto, bisogna tenere conto che l'uso di questi farmaci, bloccando la progressione della malattia e, in molti casi, determinando la guarigione degli ammalati, consente di ottenere forti risparmi della spesa socio-sanitaria (evitando trapianti e cure necessarie per una malattia cronica come l'epatite C) probabilmente tali da compensare i costi derivanti dall'immissione dei nuovi farmaci sul mercato. In Italia, nel 2012, secondo lo studio di Mennini, c'erano 1,2 milioni di pazienti infetti. Di questi, circa 211.000 sono stati diagnosticati, mentre circa 11.800 sono effettivamente in trattamento con farmaci anti - Hcv. Una riduzione delle spese sanitarie viene associata a una diminuzione di prevalenza. Infatti, una volta raggiunto il picco di spesa nel corso di questo decennio (circa 527.000.000 euro ), il modello di Mennini prevede una riduzione dei costi nei seguenti 18 anni. Secondo il modello nel 2030, grazie ai trattamenti piu' efficaci attualmente disponibili, i costi sanitari diretti associati alla gestione dei pazienti con Epatite potra' raggiungere 346.000.000 euro con una riduzione del 34,3 % rispetto al 2012. Il primo scenario parla di una diminuzione delle spese sanitarie dirette pari a 11,1 milioni di euro. Il secondo scenario (aumentando i pazienti trattati fino a 12.790) ha prodotto una riduzione di costo incrementale di 7.300.000 euro, raggiungendo un decremento netto pari a 18.400.000 euro. Nel terzo scenario (16.770 pazienti trattati) si arriva a un netto calo del costo diretto fino a 44 milioni di euro.

Dunque, un successo per i pazienti e il Servizio Sanitario Nazionale''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari