sabato 25 febbraio | 23:42
pubblicato il 26/gen/2013 12:08

San Raffaele: Formigoni indagato per corruzione

San Raffaele: Formigoni indagato per corruzione

Il governatore, ''nessun centesimo di denaro pubblico dissipato''.

(ASCA) - Milano, 26 gen - Roberto Formigoni e' stato iscritto nel registrato degli indagati aperto dalla Procura di Milano sul dissesto dell'ospedale S.Raffaele. L'ipotesi di reato contestata al governatore lombardo e' quella di corruzione.

Lo scrive oggi il Corriere della Sera. ''Il presidente della Regione Lombardia - si legge nell'articolo del quotidiano di Via Solferino - gia' inquisito nel filone sula Fondazione Maugeri, e' ora indagato con il mediatore Pierangelo Dacco' con l'ipotesi di corruzione anche in rapporto ai finanziamenti pubblici erogati negli anni dal Pirellone alla vecchia gestione dell' ospedale S.Raffaele fondato da Don Luigi Verze' e guidato sino al suicidio il 18 luglio 2011 dal vice presidente Mario Cal. Formigoni - scrive ancora il quotidiano - aveva sempre ripetuto come a suo avviso questa fosse 'una vicenda che riguarda alcuni privati, la Regione Lombardia e' del tutto estranea, come tutti sanno anche se fanno finta di non sapere'; e piu' volte aveva rimarcato che sull'istituto di Don Verze' 'la magistratura ha indagato per 16 mesi e nessun addebito e' stato sollevato nei confronti della regione: ne' del presidente, ne' di assessori, dirigenti o funzionari'.

Ora non e' piu' cosi'''.

''Non un reato e' stato commesso, non un centesimo di denaro pubblico e' stato dissipato''.

Cosi' il presidente della Regione Lombardia.

Per Formigoni, che ha parlato a margine della cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario in corso al Palazzo di Giustizia di Milano, ''se questa notizia e' vera e' stato commesso un reato perche' e' stata informata la stampa e non sono stato informato io''.

Formigoni ha esortato i cronisti a leggere con attenzione il contenuto dell'articolo pubblicato sul Corriere della Sera: ''Questo famoso consulente non ha capito nulla e non e' con l' ignoranza che si possono sollevare accuse''. La ''cosa chiara'' di questa vicenda, ha detto ancora il governatore lombardo, e' che ''non un solo centesimo di denaro pubblico e' stato dissipato, nessuno puo' dimostrare e potra' dimostrare il contrario''. fcz/mar

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Sinistra
Lavoro, scuola, ambiente: abito classico per la sinistra ex Pd
Pd
Errani lascia Pd: ora nuova avventura, ma ci ritroveremo
Governo
Napolitano: equilibrio Gentiloni punto fermo da salvaguardare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech