lunedì 05 dicembre | 15:53
pubblicato il 07/giu/2016 18:33

Salvini indica Appendino, ma la Lega a Torino fa "tifa" Fassino

In caso di vittoria dem il Carroccio avrebbe un consigliere in più

Salvini indica Appendino, ma la Lega a Torino fa "tifa" Fassino

Roma, 7 giu. (askanews) - L'indicazione data dal segretario federale Matteo Salvini è chiara: laddove il centrodestra non è arrivato al ballottaggio, bisogna mettere i bastoni tra le ruote al Pd votando M5s. Ossia, Virginia Raggi a Roma e Chiara Appendino a Torino.

Non sempre, però, le direttive che vengono 'dall'alto trovano riscontro quando si arriva sul territorio. Ed è esattamente quello che potrebbe accadere in Piemonte dove il Carroccio ha un ottimo motivo per sperare che a vincere sia invece Piero Fassino: fare eleggere un consigliere comunale in più.

Un problema che è stato sollevato da un militante direttamente a Matteo Salvini nel corso di una diretta su Radio Padania: come si fa - il senso del suo interrogativo - a spiegare che bisogna andare a votare per qualcuno che a conti fatti danneggerebbe la rappresentanza della Lega in Consiglio comunale? A domanda, il segretario ha risposto ribadendo la sua indicazione pro Appendino e la priorità di decretare la sconfitta del candidato dem. Ma ha aggiunto: "Poi certo, nessuno starà lì con la pistola puntata".

Nel capoluogo piemontese la Lega ha racimolato un patrimonio del 5,7%. Al momento, dunque, il Carroccio ha conquistato un consigliere comunale, oltre al proprio candidato sindaco, Alberto Morano. In caso di vittoria di Fassino al ballottaggio, la distribuzione dei 40 scranni sarebbe la seguente: 18 al Pd, 3 ai Moderati 3, altri 2 alla lista civica Fassino e 1 al Progetto Torino. In tutto 24. Il M5s si aggiudicherebbe invece 10 consiglieri mentre la Lega ne conquisterebbe due (più Morano). Uno andrebbe poi a Osvaldo Napoli, 1 a Roberto Rosso e 1 a Giorgio Airaudo.

Se invece il ballottaggio dovesse essere vinto dall'Appendino, 24 consiglieri andrebbero al M5s, e a quel punto la coalizione che sostiene Fassino si dovrebbe spartire 11 seggi, con la Lega che si fermerebbe a 1.

Quanto prevarrà l'indicazione del segretario o l'interesse particolare del territorio, lo potranno dire solo le urne. Di certo, il Carroccio in Piemonte da tempo sconta una forte spaccatura. Come ha dimostrato la recente elezione del segretario regionale. Alla fine del congresso l'ha spuntata il salviniano Riccardo Molinari, con 446 voti, mentre si è fermata a 364 la sua sfidante, Gianna Gancia, moglie di Roberto Calderoli che, in quell'occasione, era sostenuta tra gli altri, anche dall'eurodeputato Gianluca Buonanno, recentemente scomparso in un incidente stradale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari