lunedì 20 febbraio | 03:22
pubblicato il 28/lug/2016 17:53

Salvini chiude saracinesca su Parisi: "no alleanze marmellata"

Lega mai con Alfano,Verdini,Passera,Tosi. Discrimine fra liberi e servi.Fra stare con Hillary o Trump

Salvini chiude saracinesca su Parisi: "no alleanze marmellata"

Roma, 28 lug. (askanews) -

Milano, 28 lug. (askanews) - Aveva preso le distanze con Stefano Parisi, candidato sindaco del centrodestra a Milano, già all'indomani della sconfitta elettorale nei confronti di Beppe Sala, affermando di aver dovuto mordersi la lingua più volte per alcune prese di posizione sull'Europa e l'euro. Oggi Matteo Salvini, leader della Lega nord, è stato ancora più netto: se l'investitura di Parisi ad un ruolo di leadership nel centrodestra significa la riproposizione di quella che definisce "alleanza fritto misto e marmellata" allora non sarà possibile nessun accordo. Anche perché, è questo il punto, la riproposizione di vecchie alleanza non basate su prese di posizioni comuni sui temi come immigrazione e politica estera sono considerate dalla leadership del Carroccio perdenti. "Il discrimine non è tra moderati ed estremisti o populisti. Ma tra i servi e gli uomini liberi. E i servi in questo momento sono sia la destra sia la sinistra".

"È interessante pensare al centrodestra che verrà - ha detto Salvini, intervistato stamane da Radio Padania - Stefano Parisi l'ho sostenuto come candidato sindaco di Milano. Il sindaco deve fare funzionare strade, metropolitane, le scuole. Altro paio di maniche è riproporre a livello nazionale un'alleanza, un fritto misto, una marmellata che ha già dimostrato di non funzionare". Quindi, ha avvertito Salvini, "se qualcuno pensa di coinvolgere me o la Lega a in un'alleanza che comprende gli Alfano, i Verdini, i Passera, gli Albertini, i Cicchitto, i Tosi, ha sbagliato a capire. Io preferisco di fare una battaglia con chi ci sta".

Per la Lega conteranno quindi, per le future scelte strategiche di alleanza, le prese di posizione sulla politica internazionale. "Siccome è dall'Europa che arrivano le buone o le cattive notizie, più spesso le cattive - ha detto Salvini - il discrimine della posizione a livello internazionale sarà fondamentale: chi sostiene la Merkel o difende a spada tratta l'euro o tifa Clinton alle elezioni americane non potrà essere alleato della Lega".

Quindi, riguardo l'ex candidato sindaco del centrodestra a Milano su cui ora punta Berlusconi, il leader leghista ha affermato: "Se Parisi è un riorganizzatore di Forza Italia, faccia il suo lavoro; se invece qualcuno pensa di fare digerire alla Lega alleanze indigeste che hanno già fallito in passato io non ci sto". Di nuovo: "Se Parisi rappresenta l'asse Merkel-Banca centrale-Finanza-Euro con me non avrà niente a che fare a livello nazionale". Nel partito di Berlusconi, comunque, ha osservato Salvini, "per il momento non si capisce tanto quello che sta succedendo e "Berlusconi, a cui auguro di rimettersi dopo l'intervento, non lo sento da una vita".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, ultima trattativa con Emiliano su primarie dopo comunali
Pd
Cuperlo a Renzi: scendi da auto, non fare 'Gioventù bruciata'
Pd
Renzi si dimette da segretario Pd, ora candidature o congresso
Pd
Renzi apre congresso Pd, minoranza accusa: "Sceglie scissione"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia