venerdì 20 gennaio | 17:18
pubblicato il 23/mar/2015 17:06

Salvini a Prato: "Noi diciamo prima i toscani, poi gli altri"

Iniziativa elettorale a sostegno del candidato Lega Borghi

Salvini a Prato: "Noi diciamo prima i toscani, poi gli altri"

Roma, (askanews) - La maglietta con la scritta "Rossi a casa". E poi foto e selfie. Matteo Salvini ha fatto tappa a Prato, in Toscana, per una iniziativa elettorale a sostegno del candidato governatore della Lega Claudio Borghi.

Salvini è arrivato al gazebo allestito in piazza del Mercato nuovo accolto da alcune decine di militanti e poi ha fatto un giro tra i banchi. Molte le persone che hanno salutato il leader del Carroccio.

"Il fatto che vengano sempre prima gli altri, non va bene. Noi diciamo prima i toscani, prima gli italiani. E poi se avanza anche per gli altri. Temo che in questo momento avanzi poco. Noi ce la mettiamo tutta per mettere in discussione un sistema di potere della sinistra che va avanti da 70 anni e non è possibile che in Toscana si lavori solo se sei amico, parente, conoscente, della persona giusta".

Gli articoli più letti
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire