lunedì 05 dicembre | 12:02
pubblicato il 27/mag/2013 18:48

Salute: Ministero sigla accordo con Organizzazione sanita' animale (Oie)

Salute: Ministero sigla accordo con Organizzazione sanita' animale (Oie)

(ASCA) - Roma, 27 mag - Il ministero della Salute ha siglato un accordo di collaborazione dell'Organizzazione Mondiale per la Sanita' Animale (Oie) riunita in questi giorni a Parigi nell'81ma Sessione generale. Lo comunica il ministero in una nota precisando che la finalita' dell'intesa e' di migliorare la qualita' dei Servizi Veterinari dei Paesi considerati strategici per l'Italia. Nello specifico l'Accordo valorizza il know-how e l'expertise dei nostri 10 Istituti Zooprofilattici Sperimentali in materia di sicurezza degli alimenti e di sanita' e benessere animale.

A seguito delle gravi crisi mondiali della Bse (Encefalopatia Spongiforme Bovina) e dell'influenza aviaria ad alta patogenicita' l'Organizzazione Mondiale per la Sanita' Animale si e' posta l'obiettivo di migliorare la qualita' dei Servizi Veterinari dei 178 Paesi Membri dell'Oie, al fine di elevarne il livello di affidabilita' a salvaguardia della sanita' animale, della sicurezza delle fonti alimentari e della qualita' della produzione zootecnica.

In tale quadro l'Accordo siglato e' un atto importante per il nostro Paese, poiche' permettera' ai nostri Istituti Zooprofilattici Sperimentali di svolgere insieme al Ministero ed all'Oie delle attivita' di cooperazione internazionale con diversi Paesi, in particolare con quelli dell'Europa dell'Est e dell'Area Mediterranea. Con l'intesa siglata si punta, pertanto, a rafforzare il controllo delle malattie del bestiame e la sicurezza alimentare, potenziando le strutture veterinarie di diagnostica e di controllo, mediante la collaborazione tecnica e la formazione di personale adeguatamente qualificato. Si tratta - precisa il comunicato - di un investimento di risorse per una strategia d'azione che si basa sull'assunto che un sistema veterinario solido nei Paesi vicini rappresenta uno strumento importante per garantire la prevenzione dalle malattie e la tutela della salute pubblica umana e veterinaria.

La storia epidemiologica italiana ci insegna, infatti, che la maggior parte delle epizoozie che hanno afflitto il nostro patrimonio zootecnico proveniva proprio da Paesi dell'Est Europa, come la grave epizoozia di afta del 1994, e dalla sponda Sud del Mediterraneo, come la Blue Tongue e la West Nile Desease. L'Italia fornisce gia' un contributo significativo alle attivita' dell'OIE mettendo a disposizione, grazie alla rete degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, 3 Centri di Collaborazione e 11 Laboratori di Referenza per diverse malattie animali.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari