lunedì 05 dicembre | 17:53
pubblicato il 16/lug/2014 18:05

Salute: Lorenzin incontra rappresentanti Associazione Luca Coscioni

(ASCA) - Roma, 16 lug 2014 - Si e' concluso nella tarda mattinata, presso il Ministero della Salute, l'incontro tra il Ministro Beatrice Lorenzin e Filomena Gallo, Segretario dell'Associazione Luca Coscioni e Gilberto Corbellini, consigliere generale dell'Associazione Luca Coscioni; erano presenti il consigliere del Ministro Giuseppe Chine' e Assuntina Morresi.

''I temi trattati durante l'incontro, sui quali abbiamo trovato un Ministro molto attento - hanno riferito al termine dell'incontro, Gallo e Corbellini - sono stati: le politiche sulla disabilita' e PEBA (Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche); l'aggiornamento dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) e del Nomenclatore tariffario; la verifica della applicazione corretta delle Legge 194/78, e soluzioni possibili; prossime tappe per superare i divieti della legge 40/04.

Riguardo i Lea abbiamo riformulato le proposte elaborate in precedenza: la possibilita' di una revisione della lista delle tipologie di ausili erogabili con l'eliminazione di quelle obsolete a fronte dell'inclusione delle nuove tecnologie (che possono essere anche meno costose rispetto a quelle nomenclate); un piu' efficace sistema di identificazione dei dispositivi erogabili attraverso la registrazione approvata da un'apposita commissione simile a quella del farmaco, dei modelli fornibili (cosi' come avviene in tutta Europa ed in tutti i paesi civili del mondo) in un ''Repertorio'' degli ausili tecnici, peraltro gia' previsto dalla legge finanziaria 2006 - art. 292 comma b), permetterebbero da soli e ''a costo zero'' l'eliminazione della quasi totalita' delle forniture difformi, ''discrezionali'' ed incontrollabili in quanto ad appropriatezza e congruita', che costituiscono il vulnus piu' appariscente e piu' grave dell'attuale sistema. A tal proposito il Ministro ha confermato che, a seguito anche del lavoro effettuato in Commissione Diritti Umani al Senato con il Presidente Manconi lo scorso anno, ha proposto l'inclusione del tema nel Patto della salute e, tenuto conto dell'avvenuta approvazione del Patto, si e' ormai vicini all'aggiornamento dei LEA e del Nomenclatore. In merito alla applicazione della 194 e' in corso un lavoro con le Regioni su possibili soluzioni per garantire una corretta applicazione della normativa su tutto il territorio.

Il Ministro ci ha informati sul lavoro che il Ministero sta effettuando alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale che ha cancellato il divieto di eterologa; da parte nostra abbiamo evidenziato le garanzie gia' normate in materia nel nostro ordinamento per la tutela dei diritti di tutti i soggetti coinvolti''.

''Con il Ministro - concludono infine - abbiamo commentato la situazione relativa alla vicenda Stamina, e siamo stati informati che la Commissione Scientifica sta procedendo a valutare gli elementi forniti dalla Fondazione Stamina. Il Ministro auspica che il Parlamento crei le condizioni per interrompere pratiche medicalmente inappropriate e rischiose''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari