domenica 04 dicembre | 15:32
pubblicato il 04/mar/2013 19:13

Salute: Balduzzi, non tutto il potere a ministri economia in tempi crisi

Salute: Balduzzi, non tutto il potere a ministri economia in tempi crisi

(ASCA) - Roma, 4 mar - Il problema della sostenibilita' dei sistemi sanitari in tempi di crisi, ''non puo' essere riservato ai Ministri dell'Economia e delle Finanze, ne' nei singoli Stati membri, ne' a livello europeo'': lo ha detto il ministro della Salute, Renato Balduzzi, intervenendo oggi a Dublino, al Consiglio informale dei Ministri della salute dell'Unione europea sul problema dell'impatto della crisi economica sulle politiche della salute. ''La sostenibilita' di un sistema - ha spiegato - e' strettamente legata alla fiducia dei diversi attori nel sistema stesso e nella sua capacita' di reggere alle sfide, che in sanita' sono quelle dell'invecchiamento della popolazione, della cronicita', delle aspettative di cura e delle nuove tecnologie''. Tuttavia, ha proseguito il Ministro, ''affinche' ci sia fiducia occorre che la comunicazione delle risposte alla crisi sia molto attenta'': ''Non bisogna parlare di tagli, ma di riorganizzazione, non di minor spesa, ma di migliore spesa, non di superamento dell'universalismo, ma di universalismo piu' solidale, in cui chi ha di piu' paghi molto di piu', ma tutti, e soprattutto i piu' deboli e fragili, siano garantiti e aiutati''. Il Ministro Balduzzi ha rilevato che sono tre le strade da percorrere: ''Lotta agli sprechi e alla inappropriatezza clinica e organizzativa; autonomismo responsabile; investimenti in prevenzione, materia nella quale l'Italia e' il fanalino di coda in Europa, anche se, in realta', la prevenzione e' molto forte perche' all'impegno pubblico va aggiunta una miriade di iniziative e di impegni a livello di volontariato e di no profit''. Balduzzi ha infine proposto una considerazione circa il modo con cui il tema della sostenibilita' viene affrontato a livello di Consiglio dei Ministri dell'Unione europea, rilevando che questo tema ''non puo' essere riservato ai Ministri dell'Economia e delle Finanze, ne' nei singoli Stati membri, ne' a livello europeo'': ''Diversamente tutto cio' che ho detto sulla fiducia e sulla necessita' di non comunicare tagli, ma riorganizzazione in funzione di un piu' elevato livello di tutela della salute, sarebbe contraddetto in modo clamoroso''.E ha accennato alla riunione dell'Ecofin di domani in Grecia: ''Se domani l'Ecofin decide che la sostenibilita' dei sistemi sanitari e' competenza dei soli Ministri dell'Economia, tutto cio' di cui si e' discusso qui a Dublino e' vano''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari