sabato 03 dicembre | 10:42
pubblicato il 15/mag/2014 19:34

Salta manovra alla regione Sicilia, niente stipendi per 30mila

Crocetta furioso: un'opposizione grave ai lavoratori siciliani

Salta manovra alla regione Sicilia, niente stipendi per 30mila

Palermo, (askanews) - La manovra correttiva da 133 milioni di euro non passa l'esame dell'Assemblea regionale siciliana. L'aula ha rispedito in commissione Bilancio a Palermo il testo che prevedeva lo stanziamento dei fondi necessari al pagamento di 30mila lavoratori. Il rinvio, proposto dal centrodestra, è stato appoggiato dal Pd, ed ha acceso immediatamente la durissima replica del presidente della Regione Rosario Crocetta. "Non è un attacco al governo ma un'opposizione al popolo siciliano e decine di migliaia di lavoratori che non ricevono da mesi gli stipendi"Adesso il testo potrà essere votato solo fra 15 giorni. Il motivo dello scontro che ha portato al rinvio è la nuova modifica al testo base presentata dal governo. Tutto rinviato quindi. Ma la manovra dovrà ripartire dalla commissione Bilancio. Saltano così gli stipendi di maggio e probabilmente anche quelli di giugno.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari