martedì 24 gennaio | 16:19
pubblicato il 05/lug/2011 21:31

Salta Lodo, Berlusconi sospetta fuoco amico: Giocano su mia pelle

Cavaliere irritato con Quirinale, ma dubbi anche su Lega-Tremonti

Salta Lodo, Berlusconi sospetta fuoco amico: Giocano su mia pelle

Roma, 5 lug. (askanews) - Infuriato. Così, chi ha avuto modo di parlargli, descrive Silvio Berlusconi per lo stop subito sulla cosiddetta 'salva Fininvest'. Convinto, il Cavaliere, che in molti lavorano per indebolirlo. "Giocando sulla mia pelle", è stato lo sfogo consegnato oggi ai vertici pidiellini con i quali si è trovato a discutere. Infuriato, certo, per "il polverone" sollevato dall'opposizione e "dai suoi giornali". Ma ancor di più sospettoso con chi avrebbe dovuto sposare la battaglia per una norma che il Cavaliere considera "giusta" e invece ha giocato allo 'scaricabarile'. Una manovra che di fatto ha creato il vuoto attorno al premier e lo ha costretto a mettere nero su bianco nel comunicato la decisione di ritirare la norma contestata. Più di un aspetto non è andato giù a Berlusconi. Il Cavaliere non ha gradito l'atteggiamento di Giulio Tremonti, ma anche la freddezza della Lega e le perplessità del Quirinale, rese pubbliche fin da ieri in via ufficiosa. Il presidente del Consiglio, al di là di quanto lasciato trapelare ieri da fonti ufficiali, ha molto spinto e molto si è speso per la norma salva Fininvest, della quale pochissimi erano a conoscenza. Insistendo soprattutto con il ministro dell'Economia, che fonti di governo descrivono dubbioso fin dall'inizio sulla reale possibilità che la norma potesse realmente essere approvata. Un sospetto che nel governo fa proprio un ministro che, dietro anonimato, suggerisce: "Tremonti ha lasciato fare, convinto che tanto Berlusconi sarebbe andato a sbattere...". Fastidio analogo a quello che Berlusconi - raccontano - ha provato nei confronti della Lega. L'alleato padano ha avuto modo di far arrivare al Cavaliere un segnale inequivoco: basta leggi ad personam. In mattinata lo stato maggiore leghista aveva lasciato trapelare tutto lo stupore per una norma capace di "spiazzare" i ministri del Carroccio, che nel testo ricevuto giovedì scorso non ne avevano trovato traccia. Il "profondo malumore" leghista è apparso a molti la pietra tombale su una sortita che già i dubbi del Quirinale avevano contribuito a rendere velleitaria. Proprio i dubbi del Colle, le indiscrezioni che riportavano dello stupore quirinalizio per la norma, avevano agitato la tarda serata di ieri a Palazzo Grazioli. Stretto nella morsa, consapevole del muro innalzato per stoppare la salva Fininvest, Berlusconi non ha potuto far altro che accettare la situazione e annunciare il passo indietro. Resta lo sfogo del premier, "giocano sulla mia pelle", che fa il paio con il "vogliono rovinarmi" scandito in più occasioni di fronte al rischio di una condanna che potrebbe comportare anche la necessità di vendere le aziende.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Fassino: un giovane Prodi? Il Pd un leader ce l'ha già
Governo
A P.Chigi summit Gentiloni e ministri su sicurezza-immigrazione
L.elettorale
Partiti attendono Consulta su Italicum. Già divisi sul day-after
M5s
Grillo a eletti M5s: siete portavoce, linea la decidono iscritti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4