mercoledì 18 gennaio | 09:28
pubblicato il 12/mag/2014 09:01

Salone Libro: Bazoli, senza memoria la democrazia perde senso

(ASCA) - Torino, 12 mag 2014 - C'e' la tendenza a trascurare la lezione della storia e per questo l'Italia e l'Europa possono compiere errori pesantissimi, anzi, anche tragici alla luce deil'incubo della guerra che si sta sollevando dall'Ucraina. E' il monito di Giovanni Bazoli, giurista e presidente del Consiglio di Sorveglianza di Intesa-Sanpaolo che ieri assieme al presidente della Compagnia di San Paolo Luca Remmert ha presentato al Salone del Libro il progetto di Polo della memoria torinese che ha l'obiettivo di creare un contenitore, sia fisico che concettuale, concentrato nei quartieri militari juvarriani di Torino, oggetto di un piano di recupero, tra tutte le realta' culturali che si occupano di ricerche sul 900. ''L'idea di metterle insieme - ha spiegato Remmert - e' anche quella di efficientare la loro vita, la capacita' di stare sul territorio''. Per fare questo ci sara' la messa in comune di servizi e sale, ma anche, ha spiegato Remmert, un nuovo modello di gestione. ''Il nostro tempo - ha detto Bazoli - deve essere pienamente consapevole del rischio che corre. Senza memoria si svaluta la cittadinanza, le individualita' singole e collettive perdono senso, la democrazia stessa perde il presupposto fondamentale su cui fondarsi. La memoria del 900 - aggiunge - e' il vaccino essenziale contro il rischio di nuove dittature''.

Secondo Bazoli ''siamo ad un bivio: da un lato ci sono inziative scolastiche che portano i giovani a conoscere le realta' dei campi di concentramento, che qualcuno in modo insensato vorrebbe mettere in discussione'', ma dall'altro c'e' ''la tendenza a non confrontarsi con la storia su questioni istituzionali e politiche, a escludere da un ruolo attivo i testimoni del passato , i cosiddetti vecchi. Questa e' una pratica inquietante - ha detto Bazoli - che trova purtroppo un supporto favorevole anche ad alto livello culturale, in pensatori che si interrogano sul senso da atribuire alla storia''. Cita il filosofo Kant,  il professor Bazoli, quando ricorda che senza il filo conduttore della storia la societa' non sarebbe che ''un informe aggregato di azioni umane''. Inevitabile una riflessione sull'Europa che vive un momento di grande difficolta' rispetto alla sua identita', che e' controversa, divisa tra un universalismo atipico e la nascita di nuovi particolarismi, un'identita', spiega, ''non biografica o etica, ma risultante dalla pluralita' e dall'intrecciarsi di tanti racconti che hanno segnato la storia d'Europa''. E' in atto un conflitto sulla memoria e l'identita', osserva Bazoli, ''che per quanto riguarda l'Ucraina  puo' portare con se' il vento gelido della guerra''.

Questo perche', spiega Bazoli, le nostre societa' democratiche, a causa dei fenomeni di globalizzazione e dell'immgrazione, ''si caratterizzano per un mancato pluralismo di valori che generano tensione e conflitti identitari''.  Ma proprio la memoria, sottolinea Bazoli e' lo scrigno dell'identita' nazionale, proprio come e' accaduto in Francia dopo la rivoluzione con la costituzione degli archivi nazionali, e ancora prima nel regno dei Savoia. E oggi, la memoria, puo' essere il supporto fondamentale per costruire il passaggio  ''dall'eredita' degli stati nazionali all'unione europea,'' dice Bazoli. ''Occorre difendere le idee orginarie dell'Europa, che sono uno dei fatti fondamentali dell'eredita' del Novecento''. E il lascito politico da raccogliere, spiega il professore, e' nel segno della convivenza, della fratellanza universale e della democrazia.

eg/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa