domenica 22 gennaio | 19:11
pubblicato il 01/mar/2011 22:00

Ruby/Pdl-Lega: Camera sollevi conflitto con pm.Opposizioni: Abuso

Frattini: Fini lasci esprimere aula. Di Pietro: E' Nord Africa

Ruby/Pdl-Lega: Camera sollevi conflitto con pm.Opposizioni: Abuso

Roma, 1 mar. (askanews) - In attesa della prima udienza, fissata per il 6 aprile, del processo per il caso Ruby nel quale Silvio Berlusconi è imputato per concussione e prostituzione minorile, il conflitto legale fra il presidente del Consiglio e i magistrati milanesi è tornato in scena oggi alla Camera. I capigruppo di maggioranza (Fabrizio Cicchitto del Pdl, Marco Reguzzoni della Lega e Luciano Sardelli dei Responsabili) hanno scritto al presidente della Camera Gianfranco Fini per chiedere che Montecitorio sollevi il conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato contro la Procura e il gip di Milano per il rinvio a giudizio del premier. La proposta ha riacceso la polemica fra centrodestra e opposizioni: se da un lato il ministro degli Esteri Franco Frattini ha avvertito Fini che dovrà consentire al Parlamento di esprimersi, il Pd ha parlato di "ennesimo abuso". Frattini ha ricordato a Fini che "ha il dovere istituzionale, al di là del ruolo di capo di un partito che ricopre, di ascoltare gruppi parlamentari e se ci sono le condizioni di dare al parlamento la possibilità di decidere". Insomma, il presidente della Camera non può stoppare la richiesta in ufficio di presidenza, dove la maggioranza però al momento non ha i numeri per imporre decisioni. Al di là della querelle regolamentare, però, lo scontro è politico: per Dario Franceschini (Pd) la mossa della maggioranza "è l'ultimo di una serie infinita di abusi" di una coalizione che non si preoccupa "di portare in Aula provvedimenti che riguardano gli italiani" ma solo di "bloccare i processi del premier". Mentre secondo Antonio Di Pietro "non spetta alle Camere individuare la competenza territoriale o funzionale del giudice naturale che deve giudicare Berlusconi. Eventuali eccezioni andavano e vanno proposte in sede giurisdizionale e, in ultima analisi, in Corte di Cassazione e non certo trasformando la Camera dei Deputati in un giudice che giudica i giudici". Il leader dell'Idv ha espresso "amarezza nel vedere come parlamentari e istituzioni siano sempre più succubi e asserviti a un regime che si sta via via spostando sul modello nordafricano".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4