sabato 10 dicembre | 20:23
pubblicato il 25/gen/2011 15:07

Ruby/ Zanicchi:Da Lerner a disagio,sono rimasta a difesa Premier

Fin da inizio in trasmissione attacchi continui e beceri"

Ruby/ Zanicchi:Da Lerner a disagio,sono rimasta a difesa Premier

Roma, 25 gen. (askanews) - "Ero a disagio perché fin dall'inizio della trasmissione è stato un continuo attacco immediato e un po' becero. Sono rimasta per difenderlo: io credo in Berlusconi". Iva Zanicchi spiega così le ragioni della sua decisione di non seguire il suggerimento del Premier di lasciare ieri sera gli studi dell' 'Infedele'. "Gad Lerner - ha detto la Zanicchi a Radio 24- è certamente un bravissimo giornalista però ieri ero a disagio perché fin dall'inizio, dal primo minuto della trasmissione è stato un continuo attacco immediato e un po' becero e quando Berlusconi mi ha invitato ad uscire ho pensato che fosse opportuno rimanere li e fare il mio dovere fino in fondo per poter ribattere a quelle accuse incredibili. Il Presidente è certamente esasperato dagli attacchi di questi giorni ma l'atmosfera in studio era eccessiva e si è parlato di bordello. Tutti oggi si atteggiano da moralisti però estrapolare alcune frasi del Cardinale Bagnasco e sbatterle contro Berlusconi anche questo è scorretto e non è vero. Io credo in Berlusconi e aspettiamo a giudicare. Io non frequento personalmente Berlusconi perché preferirà frequentare donne belle e giovani che una babbiona vecchia come me, la sua casa è aperta a tutti e se negli ultimi tempi avessi frequentato la casa di Arcore gli avrei dato dei buoni consigli per evitargli di fare certe cose ". "Credo - ha detto ancora la cantante- che sia sbagliato indagare e guardare cosa fa una persona in casa propria: non voglio sapere cosa fa Vendola a letto come ci va e con chi lo fa". E ancora: "La prostituzione è deprecabile ma attendiamo perché è sbagliato giudicare prima di capire e credo che non abbia fatto nulla di male, non credo penalmente". Sulla telefonata in questura di Milano per Ruby, "io - ha ha risposto la Zanicchi- non l'avrei mai fatta ma chi conosce Berlusconi sa, come ieri sera, che è un uomo così e se avesse riflettuto non l'avrebbe fatta quella telefonata. In ogni caso Berlusconi telefonando in questura non ha imposto nulla, non ha fatto pressioni. Ha solo detto che c'era quella ragazza, che poteva essere la nipote... tutto qui. Io conosco Berlusconi e ho lavorato con lui per 25 anni ed era amatissimo da tutti. Un uomo non può essere cambiato cosi: è solo sotto pressione."

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina