lunedì 23 gennaio | 09:46
pubblicato il 28/gen/2011 19:23

Ruby/ Vescovi: Basta risse, rischio è disastro morale generale

Avvenire: Cattolici siano coerenti. Protesta di suore anti-tratta

Ruby/ Vescovi: Basta risse, rischio è disastro morale generale

Roma, 28 gen. (askanews) - Fermarsi tutti per evitare che il "disastro antropologico" dell'Italia "degeneri ancora di più". Di fronte al caso Ruby, i vescovi focalizzano la loro preoccupazione su un "abbassamento della tensione morale" generale e invitano il mondo della politica - "tutti, ognuno secondo le sue responsabilità" - alla "pacatezza". "Noi invitiamo ad attenuare il clima di tensione, di rissa continua, di conflittualità permanente, di tensione costante", afferma il segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, nella conferenza stampa che ha concluso il Consiglio episcopale permanente, il 'parlamentino' della Cei. Nei giorni scorsi sui temi della moralità sono già intervenuti il presidente della Cei Bagnasco, il Segretario di Stato vaticano Bertone e il Papa in persona. Nessuno cita esplicitamente Silvio Berlusconi, ma il riferimento al 'Rubygate' è chiaro. Le redazione delle più disparate testate cattoliche, del resto, sono tempestate da lettere di sconcerto. Ad un lettore che protesta con la timida condanna di un parlamentare cattolico del Pdl, il direttore di 'Avvenire' Marco Tarquinio proprio oggi risponde: "Credo che sia sempre più forte l'attesa di serene e consapevoli prove di coerenza da parte di chi opera sulla scena pubblica richiamandosi ai grandi valori dell'umanesimo cristiano e alla Dottrina sociale della Chiesa". Intanto 'Missionline', testata web del mensile 'Mondo e missione', pubblica due lettere aperte di suore impegnate nel contrasto alla tratta delle prostitute che denunciano l'offesa alla dignità delle donne rappresentata dalle feste di Arcore. Non senza una frecciata al mondo maschile: "Dove sono i maschi? Poche sono le loro voci, anche dei credenti, che si alzano chiare e forti". Ed è di questi giorni un duro affondo del settimanale diocesano di Torino. '25 anni di spazzatura. Così la tv ci ha involgariti', scrive 'La voce del popolo'. "In trent'anni di televisione commerciale i canali Mediaset del gruppo Berlusconi hanno metodicamente corroso l'immagine e il pudore della famiglia 'tradizionale'". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4