lunedì 05 dicembre | 03:27
pubblicato il 28/gen/2011 19:23

Ruby/ Vescovi: Basta risse, rischio è disastro morale generale

Avvenire: Cattolici siano coerenti. Protesta di suore anti-tratta

Ruby/ Vescovi: Basta risse, rischio è disastro morale generale

Roma, 28 gen. (askanews) - Fermarsi tutti per evitare che il "disastro antropologico" dell'Italia "degeneri ancora di più". Di fronte al caso Ruby, i vescovi focalizzano la loro preoccupazione su un "abbassamento della tensione morale" generale e invitano il mondo della politica - "tutti, ognuno secondo le sue responsabilità" - alla "pacatezza". "Noi invitiamo ad attenuare il clima di tensione, di rissa continua, di conflittualità permanente, di tensione costante", afferma il segretario generale della Cei, monsignor Mariano Crociata, nella conferenza stampa che ha concluso il Consiglio episcopale permanente, il 'parlamentino' della Cei. Nei giorni scorsi sui temi della moralità sono già intervenuti il presidente della Cei Bagnasco, il Segretario di Stato vaticano Bertone e il Papa in persona. Nessuno cita esplicitamente Silvio Berlusconi, ma il riferimento al 'Rubygate' è chiaro. Le redazione delle più disparate testate cattoliche, del resto, sono tempestate da lettere di sconcerto. Ad un lettore che protesta con la timida condanna di un parlamentare cattolico del Pdl, il direttore di 'Avvenire' Marco Tarquinio proprio oggi risponde: "Credo che sia sempre più forte l'attesa di serene e consapevoli prove di coerenza da parte di chi opera sulla scena pubblica richiamandosi ai grandi valori dell'umanesimo cristiano e alla Dottrina sociale della Chiesa". Intanto 'Missionline', testata web del mensile 'Mondo e missione', pubblica due lettere aperte di suore impegnate nel contrasto alla tratta delle prostitute che denunciano l'offesa alla dignità delle donne rappresentata dalle feste di Arcore. Non senza una frecciata al mondo maschile: "Dove sono i maschi? Poche sono le loro voci, anche dei credenti, che si alzano chiare e forti". Ed è di questi giorni un duro affondo del settimanale diocesano di Torino. '25 anni di spazzatura. Così la tv ci ha involgariti', scrive 'La voce del popolo'. "In trent'anni di televisione commerciale i canali Mediaset del gruppo Berlusconi hanno metodicamente corroso l'immagine e il pudore della famiglia 'tradizionale'". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari