mercoledì 18 gennaio | 15:29
pubblicato il 21/gen/2011 22:00

Ruby/ Stato allerta in Pdl,ambasciatori provano 'ammorbidire' Cei

Letta si muove. Nel partito cresce timore possibilità crisi

Ruby/ Stato allerta in Pdl,ambasciatori provano 'ammorbidire' Cei

Roma, 21 gen. (askanews) - Scricchioli, spifferi, piccole falle che rischiano di allargarsi. Il Pdl inizia a risentire dei contraccolpi del caso Ruby, visto che lo schiaffo del Vaticano ha disorientato un partito già scosso dall'inchiesta, e tutti guardano con preoccupazione a lunedì quando la Cei con ogni probabilità si pronuncerà sulla vicenda. Tanto che, riferiscono diverse fonti, i canali diplomatici dell'ala cattolica del Popolo della libertà sono già stati attivati con un obiettivo: 'ammorbidire' - anche attraverso contatti (forse anche un incontro) che Gianni Letta potrebbe tenere nel week-end con esponenti di primissimo piano delle gerarchie ecclesiatiche - la 'censura' che la Conferenza episcopale si prepara a proporre, dopo il duplice affondo targato Bertone-Papa. Insieme al sottosegretario, altri azzurri vicini al premier sono stati attivati per arginare, attraverso contatti informali, il rischio di un ulteriore danno d'immagine. E dire che di buon mattino Silvio Berlusconi, in consiglio dei ministri, aveva provato a tranquillizzare i membri del governo: Ho ricevuto rassicurazioni dal Vaticano, mi hanno assicurato che si trattava di un discorso in generale e che non era riferito a me. Pochi minuti e le agenzie battono le dichiarazioni del Santo padre sulla necessità che le istituzioni ritrovino le radici morali. E, nel governo come nel partito, la preoccupazione riprende a salire. Basta mettere in fila frammenti di situazioni per descrivere questo clima. C'è il sindaco di Roma Gianni Alemanno che ieri, atteso all'inaugurazione della casa accoglienza del Bambin Gesù, sceglie di annullare la visita, secondo alcuni per evitare di essere presente nel momento in cui Bertone lancia il primo affondo al Cavaliere. Ci sono gli ambienti ciellini in fermento, ufficialmente allineati e coperti, ma ufficiosamente pronti ad ammettere che un anno di transizione, per preparare la strada al lancio di Roberto Formigoni, non sarebbe poi così male. Senza contare l'intervista piena di dubbi di un cattolico doc come Alfredo Mantovano, oggi al Corsera. La paura che tutto possa precipitare, il timore che la Procura di Milano si sia mossa così bene da lasciare pochi spazi di manovra alla difesa, il federalismo che rischia di diventare il terreno sul quale scivola la legislatura. Timori così forti che ieri nella sede del Pdl e oggi a margine del cdm i ministri pidiellini non nascondevano il rischio di una rapida caduta del Cavaliere e ragionavano su un orizzonte che non andava oltre la prossima primavera.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Ue
Gentiloni vola da Merkel, sul tavolo conti pubblici e caso Fca
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa