sabato 10 dicembre | 04:56
pubblicato il 25/gen/2011 16:16

Ruby/ Per Pdl c'è fumus persecutionis, entro giovedì voto Giunta

Leone propone il no all'autorizzazione.Pd-Idv-Terzo polo contrari

Ruby/ Per Pdl c'è fumus persecutionis, entro giovedì voto Giunta

Roma, 25 gen. (askanews) - Il Pdl propone di respingere la richiesta di autorizzazione alle perquisizioni domiciliari nei confronti di Silvio Berlusconi, trasmessa dalla Procura di Milano alla Giunta per le autorizzazioni di Montecitorio nell'ambito dell'inchiesta sul caso Ruby. "C'è fumus persecutionis" nei confronti del premier, ha spiegato il relatore del dossier in Giunta Antonio Leone (Pdl). Non la pensano così invece tutti i gruppi dell'opposizione: Pd, Idv e Terzo polo. La Giunta è riconvocata per domani alle 14 e il presidente Pierluigi Castagnetti prevede che si possa arrivare ad un voto sul parere già "domani sera o al massimo giovedì". Dopo il voto in Giunta il parere dovrà passare al vaglio dell'Aula della Camera dove sarà sufficiente una maggioranza semplice e la maggioranza si potrà avvalere del voto segreto.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina