sabato 10 dicembre | 04:22
pubblicato il 27/gen/2011 11:48

Ruby/ Giunta Camera riunita da stamani, entro le 14 il voto

Lo Presti: fumus persecutionis no, Procura ha agito con prudenza

Ruby/ Giunta Camera riunita da stamani, entro le 14 il voto

Roma, 27 gen. (askanews) - Si arriverà probabilmente a fine mattinata a un primo voto sulla domanda di autorizzazione alle perquisizioni domiciliari nei confronti di Silvio Berlusconi trasmessa dalla Procura di Milano alla Giunta della Camera nell'ambito dell'inchiesta sul caso Ruby. Lo spiega il deputato di Futuro e libertà, Nino Lo Presti, a margine dei lavori. Intanto, dalla nuova documentazione trasmessa ieri dalla Procura emerge con evidenza, secondo quanto riferisce chi ha avuto modo di leggere le carte, che la brasiliana Iris Berardi ha frequentato le residenze del premier per due volte quando era ancora minorenne, ovvero prima del dicembre 2009. Inoltre dalle perquisizioni della casa di Marysthell Garcia Polanco sono stati ritrovati i verbali predisposti per Barbara Guerra già firmati da uno degli avvocati di Berlusconi, Piero Longo. "Questi sono aspetti di gossip e di folklore - commenta Lo Presti - noi dobbiamo accertare solo se esiste fumus persecutionis nei confronti di Berlusconi. Il relatore Leone lo ha collegato all'ostinazione della Procura nell'avviare indagini e nel proseguirle pur nella consapevolezza di essere incompetente. Secondo Fli la tesi del relatore è una aberrazione politica: non esiste fumus perché le indagini sono cominciate a seguito della visita di Nicole Minetti in Questura e poi hanno coinvolto Berlusconi attraverso le intercettazioni. Inoltre la Procura chiede l'autorizzazione a perquisire due locali, di cui soltanto uno può essere considerato di pertinenza parlamentare. L'altro, il numero 802, è una sede delle società del presidente e poteva essere perquisito immediatamente perché lì non si svolge attività politica, come ha detto anche Ghedini. Chiedendo invece comunque l'autorizzazione alla Camera la Procura ha agito con prudenza e discrezione". La proposta del Pdl di dire no all'autorizzazione dovrebbe passare senza sorprese visto che comunque la maggioranza, in Giunta alla Camera, è avanti di un voto e che tra le file dell'opposizione questa mattina mancano la democratica Anna Rossomando e il finiano Giuseppe Consolo.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Orlando: governo per andare al voto, ma Pd non lo fa da solo
Governo
Tosi al Colle: incarico a una figura dal profilo internazionale
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina