giovedì 19 gennaio | 16:53
pubblicato il 02/mar/2011 20:23

Ruby/ Fini orientato a portare conflitto attribuzione in Aula

Voto sarebbe palese e maggioranza semplice

Ruby/ Fini orientato a portare conflitto attribuzione in Aula

Roma, 2 mar. (askanews) - Sul conflitto d'attribuzione tra poteri dello Stato chiesto dalla maggioranza contro i giudici di Milano che hanno rinviato a giudizio Silvio Berlusconi per il caso Ruby, Gianfranco Fini sarebbe orientato a far comunque esprimere l'Aula, proprio come chiesto dal Pdl. E' quanto riferiscono fonti parlamentari. Oggi il presidente della Camera, nel corso dell'ufficio di presidenza, ha rilevato che non esistono precedenti sulla materia ed ha quindi investito la Giunta per il Regolamento per un approfondimento del caso. La Giunta, da lui presieduta, si riunirà "una volta concluso l'esame presso la Giunta per le autorizzazioni", chiamata anch'essa, per prassi consolidata, a esprimere un parere. Quindi, sarà la volta dell'Ufficio di presidenza cui una "consolidata prassi procedurale" riconosce, come ha spiegato la terza carica dello Stato, "un ruolo di 'filtro'". Fini ha ricordato tre precedenti in cui "la valutazione negativa" dell'Ufficio di presidenza "ha condotto alla mancata sottoposizione della questione all'Assemblea". E il rischio di una valutazione negativa c'è anche sul caso Ruby visto che Pdl e Lega non hanno la maggioranza in ufficio di presidenza dove l'opposizione può contare su 10 componenti contro 8. Tuttavia, la decisione finale sulla procedura spetta comunque al presidente della Camera. E, nonostante oggi Fini abbia ricordato precedenti che vanno nella direzione contraria a quella voluta dal Pdl e abbia investito la Giunta per il regolamento con una decisione che la maggioranza ha definito un "eccesso di zelo", fonti parlamentari riferiscono che l'orientamento della terza carica dello Stato sarebbe quello di sottoporre la questione direttamente all'Aula dove il voto sarà palese e la maggioranza semplice. La decisione di oggi di investire la Giunta per il regolamento, infatti, in assenza di precedenti analoghi, sarebbe stato un passaggio "doveroso" nell'ottica dell'imparzialità del presidente della Camera, ancor di più in questo momento, in cui tutti gli occhi sono puntati sul suo doppio ruolo di presidente della Camera e di leader Fli. Si tratta però solo di un passaggio consultivo perché la Giunta esprime un parere non vincolante e l'ultima decisione resta del Presidente.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Terremoti
Terremoto, Salvini: il trombato Errani commissario è demenziale
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale