sabato 03 dicembre | 08:09
pubblicato il 05/apr/2011 21:24

Ruby/ Camera vota conflitto,opposizioni tutto il giorno in piazza

Da Montecitorio a Santi Apostoli, i no della gente di sinistra

Ruby/ Camera vota conflitto,opposizioni tutto il giorno in piazza

Roma, 5 apr. (askanews) - La Camera dei deputati ha votato oggi il via libera al conflitto di attribuzione sul caso Ruby, ma fuori, nelle piazze di Roma, la faccenda non è stata raccontata proprio così. I numerosi leader di opposizione che hanno chiamato la propria gente a raccolta in numerosi punti strategici del quadrilatero della politica romana hanno infatti spiegato che con questo voto "il Parlamento ha sostanzialmente detto che Ruby è la nipote di Mubarak". Lo hanno ripetuto Antonio Di Pietro, Pier Luigi Bersani, i leader del Popolo Viola, le prime, le seconde, e anche le terze file dei partiti di centrosinistra. Una giornata, insomma, di 'lotta', anche se non si è assolutamente arrivati agli eccessi della settimana scorsa. Sia il presidio fisso di piazza Montecitorio che il sit-in del Pd a piazza del Pantheon che, anche, la Notte Bianca per la Democrazia di piazza Santi Apostoli hanno visto una affluenza composta fatta di bandiere, cartelloni e cori, ma niente di più. L'unico offensivo nei confronti del presidente del Consiglio un "Silvio devi morire" iniziato a piazza Montecitorio, è stato subito stroncato sul nascere dal leader di Idv, Antonio Di Pietro, il quale ha spiegato che non è con la morte di chiunque che si risolvono i problemi, quanto, piuttosto, "andando a votare per i referendum sul legittimo impedimento del 12 e 13 giugno, un voto politico per dire a Berlusconi che l'Italia non è più con lui". Ma oggi, nel popolo delle piazze, c'è stata anche un'altra novità: la consacrazione di Futuro e libertà, il partito di Gianfranco Fini, a membro effettivo dell'opposizione di piazza, con tanto di bandiere mischiate a quelle dei più tradizionali (e avvezzi a questo ruolo) partiti di sinistra. La prima comparsa, la bandiera di Fli l'ha fatta a piazza Montecitorio, dove un gruppo di suoi sostenitori, ha acclamato a gran voce il deputato Fabio Granata, 'autorizzato' a parlare nel megafono al quale si erano rivolti suoi predecessori seduti ben più a sinistra nell'arco costituzionale. Applausi per lui. Gli stessi esponenti di Fli hanno poi fatto la loro apparizione, stavolta senza bandiere, anche al comizio del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, a piazza del Pantheon, per finire con una presenza anche alla Notte Bianca di piazza Santi Apostoli, una giornata, insomma, di lotta, anche per loro.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari