lunedì 27 febbraio | 12:08
pubblicato il 22/gen/2011 22:00

Ruby/ Berlusconi:Spionaggio.Non ci sto, non fuggo, non mi dimetto

Fini: Chi vince le elezioni non può ritenersi sopra la legge

Ruby/ Berlusconi:Spionaggio.Non ci sto, non fuggo, non mi dimetto

Milano, 23 gen. (askanews) - Il premier non ci sta e conferma: Non mi dimetto". La nuova presa di posizione è arrivata in un intervento telefonico a un convegno organizzato dall'associazione Noi riformatori. "Non ci sto, non fuggo, non mi dimetto", ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Da Reggio Calabria gli ha risposto il leader di Fli e presidente della Camera, Gianfranco Fini: "Non voglio infierire, ma il buon nome dell'Italia da qualche tempo a questa parte viene sottoposto a dure critiche per i comportamenti di chi l'Italia la rappresenta". Ed ha aggiunto: "Chi vince le elezioni non può pensare di non dovere rispondere alla legge. La presunzione di innocenza non può essere scambiata per impunità: deve essere presunzione d'innocenza". Berlusconi ha ricordato che "un'operazione era già riuscita nel 94", quindi "mi difendo da un autentico tentativo di aggressione", ha aggiunto il premier che ha definito la situazione attuale "grave e paradossale. Siamo davanti - ha detto - a un tentativo di modificare gli equilibri del paese, con ricorso ad arma impropria, uso politico della giustizia. Ho reagito ad un'autentica aggressione". E poi "sarei io che aggredisco perché reagisco ad un autentico tentativo di eversione?". "E' normale che in democrazia un presidente del Consiglio sia sottoposto a intercettazioni, anzi direi a uno spionaggio del genere?" ha aggiunto Berlusconi. Secondo il premier, che ha parlato di ospiti nella sua residenza di Arcore identificati "con dispiegamento di tecniche costosissime", le intercettazioni hanno coinvolto lui stesso, e "non sono state fatte in seguito a una notizia di reato, ma proprio per cercare una ipotesi di reato". Il premier ha denunciato l'aggressione "politica e mediatica" che secondo lui è stata effettuata anche attraverso la diffusione del dossier consegnato alla Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera, "un volume di quattrocento pagine pieno di brani di intercettazioni per ottenere un effetto mediatico e un effetto politico" con l'obiettivo "visto che le intercettazioni sono inconsistenti e ridicole sul piano giudiziario".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi: D'Alema non ha mai digerito rospo, scissione Pd colpa sua
Dp
Rossi: noi fermeremo Grillo, alleanza con Pd se vince Orlando
Governo
Governo, Alfano: non va stroncato per vicenda interna al Pd
Governo
Renzi: no polemiche, governo deve guidare l'Italia fino a elezioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech