lunedì 16 gennaio | 12:42
pubblicato il 19/gen/2011 05:10

Ruby, Berlusconi da Napolitano: Sono innocente, sempre assolto

Colle: Chiarire presto. Incontro fissato prima dello scandalo

Ruby, Berlusconi da Napolitano: Sono innocente, sempre assolto

Roma, 19 gen. (askanews) - L'incontro al Quirinale era fissato da una settimana. Prima che il ciclone Ruby travolgesse, nuovamente, il premier Silvio Berlusconi. Che ieri, a metà pomeriggio, in una giornata difficile nella quale sono continuate a uscire indiscrezioni, intercettazioni e stralci di interrogatori sulle feste nella residenza del Cavaliere, è salito al Colle accompagnato dal sottosegretario Gianni Letta per incontrare, come previsto, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. L'occasione era la definizione dell'agenda delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, ma il Cavaliere non ha resistito alla tentazione di rappresentare le proprie ragioni a Napolitano e dall'invocare la persecuzione giudiziaria per la nuova accusa di prostituzione minorile. Berlusconi avrebbe ribadito al Capo dello Stato di essere innocente, di non entrarci niente con i festini e con le prostitute minorenni, di essere vittima di chi lo vuole distruggere non solo come avversario politico ma anche umanamente. Del resto, avrebbe sottolineato il presidente del Consiglio al Capo dello Stato, nessuna delle accuse che gli sono state rivolte in passato ha mai trovato conferma e lui "è sempre stato assolto". Napolitano da parte sua non si sarebbe discostato di una virgola dalla posizione assunta stamani con una nota ufficiale: quelle contestate al premier sono "gravi ipotesi di reato", il presidente "è ben consapevole del turbamento dell'opinione pubblica" davanti a tutto questo. Per il Colle, dunque, la via da seguire non può che essere una: bisogna che tutta la vicenda sia chiarita "al più presto". Nessuna intenzione di dimettersi. Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi in serata ha respinto al mittente la richiesta avanzata dalle opposizioni. E ai giornalisti che, al suo arrivo alla Camera per partecipare ad una riunione al gruppo, gli chiedono se intende fare passi indietro, il premier risponde: "Non faccio gestacci in pubblico".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche